Paola Baratto – Malgrado il vento

0
185

Tredici racconti in cui altrettanti protagonisti si muovono in un unico quartiere sotto lo sguardo attento di Tomas, scrittore, che li osserva dalla “giusta” distanza. Ognuno di loro pare convinto di avere qualcosa di speciale da raccontare, ma solo uno sguardo non giudicante riuscirà a trarre, tra le pieghe, frammenti utili a ricavarne storie importanti: attraverso l’ascolto e un’attenta osservazione, Tomas saprà riconoscere in ciascuno uno spunto interessante e da lì partirà per raccontare le loro vite, ordinarie solo all’apparenza.

Malgrado il vento, il nuovo romanzo della scrittrice bresciana Paola Baratto, è una raccolta di racconti ambientata in un quartiere indefinito della provincia. Un libro poetico scritto con uno stile asciutto e raffinato, una carrellata di personaggi intensi, con le loro fragilità nascoste, alle prese con gli eventi della vita oltre la banalità delle apparenze: un vibrante affresco.
Nel quartiere i protagonisti s’incontrano frequentandone i ritrovi: il minimarket di Adelmo, il parco, il ponte sul canale, il centro estetico di Fernanda. E mentre le loro storie si susseguono, l’ambientazione sembra assumere una fisionomia sempre più precisa, fino a suonarci familiare. Si percepiscono l’odore e le risonanze di ogni parola scelta, regalando al testo una musicalità particolarmente efficace nel trasmetterci lo stato d’animo dei vari personaggi, straordinariamente tridimensionali.
Basti pensare ad Attilio, venditore di contrabbando di bellezza, o Ada, capace di trasformare in arte l’immondizia, o Lilli, una donna sola in cerca di attenzioni ma capace di trasformare la propria vita in un bellissimo romanzo.

In ognuno c’è molto di noi: le loro fragilità sono quelle di tutti, tanto che l’opera sembra quasi un elogio alla vulnerabilità, vista come risorsa preziosa per reagire e gestire gli eventi, tanto quelli dolorosi quanto quelli felici. Struggenti, intensi e al contempo delicati, ci fanno immedesimare attraverso una scrittura coinvolgente e acuta.


Recensione pubblicata per gentile concessione di Brescia Si Legge.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *