fbpx
Home I racconti I Racconti Brevi

I Racconti Brevi

Raccolta di racconti brevi di scrittori italiani e scrittori stranieri, racconti brevi inediti mai tradotti in italiano di scrittori classici

Suona il citofono: un trillo di seguito all’altro. Mentre mamma sta finendo di vestirsi, vado ad aprire. Dovrebbe essere il momento esatto in cui lei fa le smorfie davanti allo specchio. Sul tavolo del soggiorno ci sono ancora i...
Qualcuno dei miei nuovi vicini sta ascoltando i Talking Heads. Chi diavolo è che ascolta David Byrne & co. a palla alle dieci del mattino? E poi ‘sto giro di basso in Take me to the river è proprio...
Il Centrale era il bar storico del paese. Faceva breccia nelle mura che circondavano la piazza insieme al negozio agonizzante di un fruttivendolo e a una pizzeria da asporto. Gianluigi Cazzoletti, detto Gigi Cazzialtrui, aveva ereditato il bar dai...
Rocco non aveva particolari motivi per odiare le vecchie. Eppure le odiava ferocemente. Il solo vederne una arrancare per strada con la busta della spesa, o aspettare l'autobus con gli occhiali da vista sulla punta del naso, lo mandava in bestia....
Ho conosciuto Maicol alle elementari, ma solo tre anni fa ho capito quanto valeva. Era passato nell’arco di uno sputo da cento amici scarsi a diecimilaseicentodiciotto. Non so se mi spiego: diecimilaseicentodiciotto; e il numero cresce ogni giorno. Non che sia...
Mi chiamo Mukarib, ma tutti mi chiamano Mucca. Non Muka, ma Mucca, proprio come l’animale che sta in stalla e fa il latte. In Italia tutti usano abbreviare i nomi. Ma Mucca… Ho provato a dire che non mi piace,...
«Che ore sono?». «Già le nove e un quarto». «Che facciamo? Ordiniamo?». «Direi proprio di sì! Mi pare che l’abbiamo aspettata anche troppo». «Cheng! Tre cappuccini e tre brioche». Il cameriere si materializzò al tavolino presidiato, come ogni domenica, da tre anziane signore. «Come desidera...
Mi chiamo Alina e sono rumena. Lo so che la gente mi guarda anche quando vado a fare la spesa. Sento gli occhi della cassiera che mi scrutano, lo sguardo del commesso che s’infila nella mia scollatura, le addette...
«Scusi, signora, posso sedermi?». «Prego, sieda pure». «Anche lei ama quest’opera?». «Amo tutte le opere in particolare». «Non l’ho mai vista qui». «Vengo solo quando ci sono opere che mi interessano». «Ah. Suo marito non l’ha accompagnata, stasera?». «Non sono sposata. Amo la vita libera. E...
Ieri la nonna è andata al paese e non è più tornata. Cosa è successo? Non lo so. Alma dice di non preoccuparmi. Dice: «Non devi avere paura, Nenad». Ma io non ho paura: non sono mica piccolo. Sono solo un...