Enrique Vila-Matas – Bartleby e compagnia

0
64

Bartleby è un impiegato che scrive un diario di note a piè di pagina. Prende il nome dallo scrivano di un famoso racconto di Herman Melville (Bartleby lo scrivano) e va alla ricerca dei Bartleby, esseri che ospitano in sé una profonda negazione del mondo. È un libro dedicato agli scrittori che smettono di scrivere o che non iniziano nemmeno: i Bartleby finiscono per non scrivere più nulla.

Quello che il romanzo ci invita a percorrere è un viaggio tra scrittura e vita. Pensatori smarriti e ricercatori dell’arte di smarrirsi ci guideranno nei meandri della pulsione negativa: incontreremo viandanti solitari che passeggiano tra brughiere scure, l’attenzione a intere biblioteche che alcuni autori scaraventeranno fuori dalle finestre, gallerie di aneddoti e citazioni circondate da tratti ironici.

Non esiste una formula in grado di risolvere la pulsione negativa e quella che verrà definita sindrome di Bartleby: lo scrivano è un esploratore che avanza verso il vuoto in questa ricerca. E ciò che prova a farci percepire e attraverso il silenzio di questi scrittori è quel silenzio che ci mette in contatto con l’enigma della parola.

Sono pagine emozionanti: un dono per gli amanti della letteratura.

Enrique Vila-Matas (Barcellona,1948) è autore di una vasta opera narrativa e, a proposito di Bartleby e compagnia, afferma: Mi appassiona tanto scrivere che non capivo come mai qualcuno potesse rinunciarvi, per questo ho esplorato il labirinto del NO.

Qui la recensione del romanzo “Bartleby lo scrivano” di Herman Melville

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *