Philip Roth – Lamento di Portnoy

0
24

Un’ironia quasi disperata

La recente scomparsa del premio Pulitzer Philip Roth, acclamato come il più importante scrittore americano contemporaneo, ha portato molti lettori davanti agli scaffali che in libreria contengono le sue opere; ma da dove cominciare? Lo abbiamo chiesto a Francesco Samarini, ricercatore di letteratura italiana presso l’Università dell’Indiana, dove si occupa esattamente della ricezione di Roth in Italia.

Ci ha consigliato di iniziare dal Lamento di Portnoy, perché è una lettura alla portata di tutti, in quanto breve e divertente, e perché, nonostante sia uno dei suoi primi libri, contiene già in nuce quello sguardo penetrante sulla realtà e quella forma maniacale che caratterizzeranno l’intera poetica dello scrittore, la quale – ci dice Samarini – si esprime attraverso un’ironia quasi disperata, costringendo chi legge a muovere un passo in più rispetto al solo divertimento.

Il protagonista di questo romanzo, Alex Portnoy, ripercorre con l’analista la propria esistenza a partire dalla famiglia ebraica. Quel che gli interessa più di tutto, però, è il sesso: dopo un’adolescenza trascorsa chiuso in bagno, Alex si butta in una relazione dietro l’altra, sempre con ragazze non ebree, quasi che penetrandole possa varcarne anche l’ambiente sociale.

SHARE
Articolo precedenteLuis Sepùlveda
Articolo successivoGabrielle Zevin – La misura della felicità
Riccardo Burgazzi
Riccardo Burgazzi è nato a Milano nel 1988. Laureato in Lettere, ha vissuto in Spagna e in Repubblica Ceca, dove ha conseguito un dottorato di ricerca in filologia mediolatina e insegnato “Storia del libro” e “Letteratura latina medievale” all’Università Carolina di Praga. Ha pubblicato i romanzi “Storia del Michelasso” (Prospero, 2016) e “Le primavere di Praga” (Prospero, 2018) e il saggio “Francis of Mayronis' Tractatus de passione Domini. Critical edition and studies (Prospero, 2017).

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *