Torquato Tasso – Gerusalemme liberata

0
34

La Gerusalemme liberata è un poema che parla della vittoriosa crociata cristiana nella campagna alla conquista del Santo sepolcro.
Molti sono gli episodi memorabili: l’amore tra Olindo e Sofronia, un amore che sembra destinato a esaurirsi sul rogo e che viene salvato solo all’ultimo momento; il concilio degli inferi, nel quale Satana decide di intervenire nella lotta a difesa della città; lo sventurato Latinio che vede morire i suoi cinque figli uno a uno grazie alla spada di Solimano. Il più tragico lo abbiamo nel canto XII, dove si consuma l’amore tra il guerriero cristiano Tancredi e la musulmana Clorinda, una parte talmente toccante da indurre Monteverdi a musicarla. Egli è follemente innamorato della donna, ma l’armatura indossata dalla guerriera non è quella che lui conosce; così la uccide credendola un’altra. Toltole l’elmo dopo averla mortalmente ferita, le darà vita con l’acqua mediante il battesimo. Altro episodio meraviglioso è quello nel quale Erminia cura l’amato Tancredi dopo che questi ha sconfitto in duello Argante, un combattente musulmano, tagliandosi i capelli e usandoli come laccio emostatico.
Un luogo importante dell’opera è la foresta: essa contiene le paure degli uomini che cercano di entrarvi. Solo Rinaldo, cavaliere cristiano ispirato a un personaggio realmente esisistito, riesce ad abbattere gli alberi, ma non perché egli sia nato puro (anzi, è addirittura artefice di un assassinio), bensì per aver saputo superare le difficoltà e rimediare agli errori compiuti.

Sono gli episodi amorosi che rendono memorabile quest’opera, molto più di quelli di carattere religioso: è qui che risiede il genio del Tasso, nella grande passionalità che riesce a trasmettere grazie alla musicalità delle parole.
Tutti questi episodi saranno giudicati negativamente dal comitato editoriale che si raccolse attorno al cardinale Gonzaga. Le critiche, com’è noto, porteranno il Tasso a una vera e propria crisi, fino a spingerlo a compiere quella follia che sarà la riscrittura completa del poema con il nome di Gerusalemme conquistata.

La potenza e la musicalità della lingua del Tasso rendono la Liberata quasi di natura sonora. Non è un testo che può essere letto a mente: ha bisogno di respirare nella viva parola del lettore e richiede una lettura ad alta voce per poter essere interamente assaporato.
Sebbene siano passati cinque secoli dalla sua scrittura, sembra che l’autore parli, in fondo, anche a noi: narra, in fin dei conti, di un popolo che vuole conquistarne un altro e sottometterlo perché ha qualcosa che ritiene suo e perché prega un Dio diverso. Parla di un capitano, Goffredo, che guida il suo esercito fino a espugnare la fortezza e uccidere tutti i nemici; ma, sconfitto il nemico, prima di pregare davanti al Santo sepolcro si guarda in giro: tutta la sua lotta, la sua ferocia e il suo zelo si esauriscono per un istante quando vede che corre di tenta in tenda il sangue in rivi, come ancora oggi accade.

SHARE
Articolo precedenteItalo Calvino
Articolo successivoJosé Saramago
Stefano Ghisleri
Stefano Ghisleri nasce a Brescia nel 1985. Fin da ragazzino manifesta un grande interesse per la musica che lo porterà a diplomarsi in pianoforte nel 2009 sotto la guida del M° A. Ranucci. Parallelalemente agli studi musicali consegue la laurea magistrale in Ingegneria dell'Automazione Industriale presso l'Università di Brescia. Docente di pianoforte, è da tempo interessato anche alla composizione e alla scrittura. Di recente ha presentato con successo una sua composizione per pianoforte ispirata ai quadri di August Strindberg a Stoccolma.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *