Fabio Monteduro – Airam

0
126

Roberto, ex tossico, incontra quasi per caso Maria; che non è bella e ammaliante come Frida, l’ex fidanzata, ma che gli risulta irresistibile grazie alla sua innocente ingenuità. Sarebbe una relazione perfetta se la ragazza non avesse una madre bloccata su una sedia a rotelle dall’artrogriposi (la cosiddetta sindrome della bambola di legno) e ossessionata dalla religione, una madre che ha riempito la casa di crocefissi per proteggersi dal demonio che, ne è convinta, perseguita la sua famiglia. Un’ossessione che sembra dover travolgere anche Maria, distorcendo la percezione della realtà fino a trascinare nel delirio anche il protagonista.
Malattia mentale o realtà diabolica? Follia o manifestazione del male? Roberto non lo sa, e cercherà di districarsi in una vicenda più complicata di quanto la sua mente possa concepire.

Airam, horror psicologico ispirato a un fatto di cronaca nera realmente accaduto, è una storia d’amore, di sesso, di impossibili redenzioni; ma anche di possessioni, di incidenti mortali, di incesti, di suicidi e omicidi, veri o presunti. Mentre il male che stringe il terzetto s’insinua nella normalità poco a poco, il passato della famiglia di Maria si disvela inesorabile, fino al trauma dello sconvolgente segreto che ha portato al minaccioso presente. E Maria potrebbe trasformarsi da un momento all’altro nel proprio opposto, Airam, la negazione della ragazza che Roberto ha conosciuto, trascinando tutti nel buio della morte.

Monteduro parte dalla quotidianità per introdurre un orrore ambiguo, inafferrabile, che avanza strisciante tra le pagine del romanzo avviluppandoci piano piano, fino a esplodere nell’imprevedibile finale. Una storia sempre in bilico tra razionalità e sovrannaturale, tra logica e superstizione, talmente realistica da farci dubitare della realtà. Perché forse il male vince solo se ci credi. E l’orrore, quello vero, è dentro di noi.

SHARE
Articolo precedenteAndrew Vachss – Abuso
Articolo successivoStieg Larsson – Uomini che odiano le donne
Heiko H. Caimi
Scrittore e sceneggiatore, insegna scrittura creativa dal 1999. Ha collaborato con la casa editrice Tranchida dal 2007 al 2009 come docente di Scuola Forrester e come membro del CdA e redattore del comitato editoriale, nonché come autore sulle riviste telematiche “Gluck59” e “Tenekè”. Ha collaborato come autore di novelle con gli editori Mondadori e GVE e pubblica racconti, articoli, recensioni e poesie con diverse riviste telematiche. Ha partecipato come poeta alla VII Edizione della Carovana dei Versi nel 2012-2013, e sue opere sono state pubblicate nel 2013 all’interno dell’antologia edita dalla Casa Editrice Abrigliasciolta di Varese. Ha tenuto corsi di scrittura e di sceneggiatura presso la libreria Egea dell’Università Bocconi di Milano, presso l’I.I.S. A. Lunardi di Brescia, in svariate biblioteche e associazioni del comprensorio bresciano e in alcune scuole svizzere. Un film per cui ha scritto la sceneggiatura è stato opzionato due volte e ha collaborato come sceneggiatore a una produzione internazionale (“Haiti Voodoo”, 2011). In un lontano passato ha suonato in svariati gruppi musicali e ha collaborato a numerosi cortometraggi. Attualmente vive e lavora a Brescia. Dal 2002 è Presidente di Magnoliaitalia e dal 2013 è docente e direttore della Bottega della Scrittura di Brescia, scuola professionale per scrittori.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *