Mitko Gogov e il premio Enhalon

0
130

A partire da quest’anno, la rubrica di Inkroci “Verso Est”  presentarà in traduzione il testo e l’autore vincitori del premio Enhalon per la giovane poesia macedone del prestigioso festival poetico Struga Poetry Evenings. Il festival, la cui origine risale al 1962, è della durata complessiva di 5 giorni e ha luogo a Struga, sul lago d’Ocrida, nella seconda metà di agosto.

Il premio, reintrodotto nel 2012, si pone come obiettivo l’incitare e incoraggiare giovani poeti nazionali. Il nome Enhalon deriva dall’antico nome greco della città – Struga Enhalon– che significa anguilla, in riferimento ai pesci che dal fiume Drin Nero si riversano sulle acque del lago.

La poesia vincitrice dell’edizione di quest’anno è Una breve preghiera del poeta macedone Mitko Gogov. Scrive la giuria: “…nella struttura vivace del testo di Gogov, l’importanza di ogni parola si equivale e ogni cosa trova il giusto posto. Il soggetto, comunicando col proprio mondo interiore, partecipa attivamente nel gioco cosmico dove l’onirico e il reale si interecciano”.

Mitko Gogov è un imprenditore, artista concettuale, poeta e scrittore di racconti nato nel 1983 a Skopje, Macedonia.
Il suo lavoro è stato presente e tradotto in diverse antologie, collezioni e riviste letterarie e d’arte in India, Pakistan, Filippine, USA, Cina, Russia, Spagna, Romania, Bulgaria, Bielorussia, Messico, Argentina, Repubblica Ceca, Germania, Serbia, Croazia, Kosovo, Grecia e Albania. La sua prima collezione Ледедена вода [Acqua ghiacciata] è stata pubblicata nel 2011 in Serbia e nel 2014 in Macedonia.
Artista concettuale attivo, ha partecipato a mostre collettive e progetti internazionali in Macedonia, Serbia, Bulgaria, Francia, Norvegia e Italia con diverse installazioni, performance, scenografie, cortometraggi e progetti multimediali.
Presidente dell’Associazione per lo sviluppo culturale e la tutela del patrimonio culturale “Kontext – Strumica”, è anche l’organizzatore del movimento internazionale e del festival “100 mila poeti per il cambiamento” a Strumica, Macedonia.

Emilia Mirazchiyska

SHARE
Articolo precedenteWilliam Faulkner
Articolo successivoGeorge Bernard Shaw
Emilia Mirazchiyska
Emilia Mirazchiyska (1972) vive e lavora a Sofia, Bulgaria, dove è nata. È editore e direttore della piccola casa editrice Scalino, che include a catalogo anche due antologie in italiano da lei curate: “Maternità possibili” (insieme a Rayna Castoldi, 2011) e “Saluti a Dickens – 15 storie di Natale” (2012). Oltre ad aver insegnato per anni storia dell’arte al Liceo Italiano di Sofia, è traduttrice: a sua firma la versione tradotta del primo romanzo di Francesca Lancini “Senza tacchi” (Bompiani, 2011) e la prima parte del libro di poesie di Dome Bulfaro “Marcia film” (Scalino, 2016). Ha inoltre tradotto dal bulgaro all’italiano con diversi co-traduttori/poeti italiani i libri di alcuni importanti poeti bulgari: Vladimir Levchev (il cui libro antologico di poesie “Amore in piazza” è pubblicato in Italia da Terra d’ulivi edizioni, febbraio 2016, nella loro traduzione con Fabio Izzo); Beloslava Dimitrova (“La natura selvaggia”, pubblicato in Italia da Arcipelago itaca edizioni, febbraio 2017, nella loro traduzione con Danilo Mandolini); Aksinia Mihaylova (“Nel delta del mondo”, pubblicato in Italia da Edizioni Kolibris, maggio 2017, nella loro traduzione con Francesco Tomada).

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *