Lettura della scrittura in seconda lingua

0
102

Gli scrittori esofoni – coloro che scrivono in una lingua diversa dalla loro madrelingua, o almeno così si dice – scelgono di farlo per molte ragioni diverse – personali, artistiche, sociali, politiche, economiche. E nella letteratura in lingua inglese non mancano esempi in entrambe le direzioni: quelli che scelgono di scrivere in inglese quando è la loro seconda lingua (Conrad, Koestler, Achebe, Nabokov etc.) e quelli la cui lingua primaria è l’inglese, ma che scrivono anche in altre lingue (Beckett, T.S. Eliot, Joyce e altri modernisti i cui testi nominalmente “inglesi” sono profondamente infarciti di parole, frasi e allusioni a lingue di un ampio spettro linguistico e culturale).
Ho già scritto delle mie esperienze di scrittura in bulgaro in “Writing into the Unknown”, l’introduzione alla raccolta bilingue Непознати Преводи/Unknown Translations, una silloge poetica che ho scritto originariamente in bulgaro e che è stata pubblicata a Sofia da Scalino nel 2016. In questa ho notato che, piuttosto che limitare ciò che ho scritto, il processo ha spinto la mia immaginazione in direzioni inaspettate e mi ha offerto “tutta una nuova serie di strumenti e nuove risorse a cui attingere”. Avendo parlato con altri scrittori poliglotti molto più esperti, da allora, questo sembra corrispondere alla loro esperienza: essi usano ciascuna delle loro varie lingue – primaria o secondaria – per scopi diversi o in circostanze diverse, a seconda delle associazioni che hanno accumulato sul vocabolario, della grammatica, degli idiomi e delle altre caratteristiche linguistiche di ciascun idioma.
Questa domanda mi è passata per la mente anche mentre leggevo la raccolta di Riccardo Duranti del 2013, Meditamondo, che, accanto alle poesie scritte originariamente in italiano, ne comprende altre elaborate originariamente in inglese – successivamente tradotte in italiano dall’autore. Immagino che l’esperienza di Duranti nella scrittura di queste poesie sia stata molto simile alla mia: la seconda lingua è stata l’occasione per “pensare diversamente”, per formulare nuove strutture di immagini e associazioni.
In “Come ottenere un’aureola”, per esempio, è possibile notare come l’inglese gli abbia offerto opportunità linguistiche soprattutto in relazione al suono. Nella strofa d’apertura, per esempio, scrive:

Inside a swarm of bees
stand still
and look beyond the blur
for the one detail
that makes sense
of the horizon

Allo stesso modo le prime due righe della seconda: 

escape the droning shell
            (renounce its promise of honey 

Ciò che mi colpisce in particolare, però, sono gli ultimi due versi della poesia: 

while you keep growing
just treading time.

Grazie alla metaforica frase inglese pronta per l’uso “marking time”, “treading” sembra inizialmente una scelta insolita, soprattutto perché l’atto di “marcare il tempo” (“marking time”, ovvero di marciare sul posto, “marching time”, quindi “marching on the spot”) incorpora un senso di “calpestare”, o di calpestare qualcosa. Il “calpestare”, in altre parole, ci attira verso un possibile significato della frase – “solo il tempo di marcatura” – che rischierebbe di essere interpretato come un errore da chi lo leggesse con disattenzione e ingenuità.
Contemporaneamente, però, il “tempo di percorrenza” offre altri significati, altre connotazioni, che non sarebbero disponibili con l’opzione più comune e più banale del “tempo di marcatura”. Potremmo, dopotutto, seguire la linea, seguire una linea sottile, calpestare i gusci d’uovo, calpestare le dita dei piedi di qualcuno, calpestare leggermente, correre dove gli angeli temono di calpestare o calpestare l’acqua – e la scelta del verbo permette alle varie connotazioni di questi usi idiomatici di aderire al ‘tempo di calpestamento’, fornendo l’opportunità di una lettura molto più sfumata e molto più ambigua.
A me, infatti, questo sembra un buon esempio della nozione di Keats di “un bell’eccesso”, come interpretata dal poeta e critico JH Prynne, che spacchetta così la nozione: “Se si mettono insieme due parole che non sono normalmente associate nello stesso campo di riferimento o significato, si può creare una sorta di scintilla o di salto semantico che è intensamente localizzato all’interno della continuità del processo di testo: può essere una sorta di ‘punto caldo’ che brucia molto luminoso ma che il lettore può assimilare abbastanza rapidamente all’interno dei più grandi schemi di composizione”.
Altri esempi simili si trovano in tutte le poesie inglesi della raccolta di Duranti – “the fluid pain” (“il dolore fluido”) in “The Economics of Misery”, “the sombre joy/nested in music” (“la cupa gioia/innestata nella musica”) in “Composition” e così via – e ciò che Prynne chiama “una sorta di scintilla semantica” fa spesso parte dell’esperienza che compio – come qualcuno la cui lingua primaria è l’inglese – quando leggo il lavoro in inglese di coloro per cui è una seconda lingua. Oltre al piacere immediato che deriva da queste “scintille” individuali, esse offrono anche una più ampia opportunità di considerare la mia lingua primaria e le sue possibilità semantiche da un punto di vista meno ristretto (perché libero da convenzioni radicate).
Quello che suggerisco qui, in altre parole, è che la scrittura in una seconda lingua offre non solo l’opportunità agli scrittori di seguire direzioni che forse non avevano mai immaginato prima, ma anche ai lettori della lingua primaria – nel senso che i testi che ne derivano possono permettere loro di percepire la propria lingua da diverse prospettive, individuare le sue possibilità semantiche, forse finora inosservate, e assaporare – piuttosto che criticare, sentirsi sconcertati o addirittura minacciati da – i modi in cui i suoi strumenti linguistici vengono utilizzati in modo diverso e spingono, consciamente o inconsciamente, a superare o estendere i confini della convenzione.


Traduzione di Heiko H. Caimi

SHARE
Articolo precedenteJosé Saramago
Articolo successivoGiorgio Faletti
Tom Phillips
Tom Phillips è nato nel Buckinghamshire nel 1964. È scrittore freelance e docente ospite presso varie università britanniche e balcaniche. Vive a Bristol, Regno Unito, dal 1986, ma dal 2000 ha spesso viaggiato nella penisola balcanica e molti dei suoi interessi letterari e di ricerca sono focalizzati sulla regione. È stato pubblicato in molte riviste, antologie e opuscoli e ha pubblicato tre libri di poesia nel Regno Unito: “Recreation Ground” (“Terra di ricreazione”, Two Rivers Press, 2012), “Reversing into the Cold War” (“Inversione nella Guerra Fredda”, Firewater/Poetry Monthly, 2007) e “Burning Omaha” (“Bruciando Omaha”, Firewater, 2003) e un libro bilingue di poesia in Bulgaria: “Unknown Translations / Непознати преводи” (“Traduzioni sconosciute”, Scalino, 2016). È autore di numerosi spettacoli teatrali, di cui “Coastal Defences” (“Le Difese Costiere”, Tobacco Factory Theatres - Teatri della Fabbrica del Tabacco, Bristol, 2014) e “100 Miles North of Timbuktu” (“100 Miglia a Nord di Timbuctù”, Alma Tavern Theatre - Teatro della Taverna Alma, Bristol, 2013) hanno riscosso il più grande successo teatrale.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *