Liam O’Flaherty – Il traditore

0
662

Una terribile bellezza

Povertà e miseria sono le vere protagoniste di un tradimento consumato in dodici ore superbamente narrate da Liam O’Flaherty. Un’umanità spesso mediocre, fatta di realtà meschine e lampi di orgoglio, si intreccia nella notte di Dublino durante il momento più nero della travagliata lotta per l’indipendenza dell’Irlanda, negli anni Venti del secolo scorso. La vicenda narra di un moderno Giuda che, sperperando i denari ricevuti per l’infedeltà alla causa, diviene il virus letale da debellare ad ogni costo da parte degli anticorpi dell’organizzazione che ha disertato. Un romanzo disilluso e non convenzionale sulla storia irlandese, con atmosfere e tensione ben dosate e la cura di evitare immagini stereotipate di buoni (Irlandesi) e cattivi (Inglesi). Splendida la caratterizzazione dei personaggi: su tutti Dan Gallagher, capo dell’organizzazione, emblema della lucida follia che spesso accompagna i rivoluzionari più intransigenti. Un credibile ritratto dell’umana ambiguità.

SHARE
Articolo precedenteDaniel Glattauer – Per sempre tuo
Articolo successivoBlack Sabbath – Paranoid
Giorgio Olivari
Giorgio Olivari nasce a Brescia nel secolo scorso. È professionista nel campo del disegno industriale da più di trent’anni. Dopo i primi quarant’anni da lettore scopre la scrittura per caso: uno scherzo della vita. La compagna di sempre lo iscrive a un corso di scrittura creativa: forse per gioco, più probabilmente per liberarsi di lui. Una scintilla che, una volta scoccata, non si spegne ma diventa racconto, storie, pensieri; alcuni dei quali pubblicati dai tipi di BESA in "Pretesti Sensibili" (2008). La prima raccolta di racconti brevi, "Futili Emotivi", è pubblicata da Carta & Penna Editore nel 2010. La sua passione per la letteratura lo ha portato a “contagiare” altri lettori coordinando gruppi di lettura: Arcobaleno a Paderno Franciacorta, Chiare Lettere a Nave.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *