Valerio Romitelli – L’amore della politica

0
843

Scardinare l’indifferenza

La tendenza alla giustizia sociale sperimentata dai governi è finita insieme al comunismo e ai partiti di classe: più nessuno schieramento ha saputo dimostrare che politiche egualitarie sono universalmente realizzabili e, senza questa pietra di paragone, la deriva della politica si è tradotta in una deriva del pensiero, votata all’apatica acquiescenza o a un’insofferenza atomistica rese inerti dal brusio assordante dell’alluvione comunicativa. Ma potremmo scardinare l’indifferenza e aprire nuovi spazi critici se ritrovassimo l’amore per la politica, prendendo il meglio dalle esperienze del passato e coniugandolo con alcune più recenti. Come? Basta leggere questo saggio lucidissimo per averne un’idea precisa.

Puoi trovare altre recensioni di libri di Valerio Romitelli qui:
Valerio Romitelli – La felicità dei partigiani e la nostra
Valerio Romitelli – L’odio per i partigiani
AAVV – La democrazia in Italia

SHARE
Articolo precedenteOlle Lönnaeus – Cuore Nazista
Articolo successivoHeiko H. Caimi – Dal pozzo (J’accuse)
Heiko H. Caimi
Heiko H. Caimi, classe 1968, è scrittore, sceneggiatore, poeta e docente di scrittura narrativa. Ha collaborato come autore con gli editori Mondadori, Tranchida, abrigliasciolta e altri. Ha tenuto corsi di scrittura presso la libreria Egea dell’Università Bocconi di Milano e diverse scuole, biblioteche e associazioni in Italia e in Svizzera. Dal 2013 è direttore editoriale della rivista di letterature Inkroci. È tra i fondatori e gli organizzatori della rassegna letteraria itinerante Libri in Movimento. L’ultimo suo lavoro è il romanzo "I predestinati" (Prospero, 2019).