Heiko H. Caimi – Dal pozzo (J’accuse)

0
882

Se abbiamo paura delle opinioni che non vanno per la maggiore,
se ci spaventa chi non la pensa come noi,
se non abbiamo il coraggio di difendere ciò che amiamo,
se preferiamo l’ipocrisia al coraggio,
il silenzio all’argomentare, le buone maniere alla sincerità,
se preferiamo la censura alla verità

allora non mettiamoci a parlare di letteratura:
se la letteratura è morta,
è morta anche grazie alla nostra viltà,
è morta anche grazie alla nostra indifferenza,
è morta anche grazie alla nostra intolleranza, alla nostra ipocrisia, alle nostre buone maniere
perché la letteratura non ha nulla da dirci
se non la sappiamo ascoltare
né ha modo di restare viva
se non la sapremo seminare.

E smettiamola di rimpiangere il passato:
autori come quelli di un tempo
non verranno mai più
o, se verranno, giaceranno intonsi
su scaffali carichi di polvere;
e saremo stati noi
a seppellirli
con la nostra inane abulia.

SHARE
Articolo precedenteValerio Romitelli – L’amore della politica
Articolo successivoRiflessi
Heiko H. Caimi
Scrittore e sceneggiatore, insegna scrittura creativa dal 1999. Ha collaborato con la casa editrice Tranchida dal 2007 al 2009 come docente di Scuola Forrester e come membro del CdA e redattore del comitato editoriale, nonché come autore sulle riviste telematiche “Gluck59” e “Tenekè”. Ha collaborato come autore di novelle con gli editori Mondadori e GVE e pubblica racconti, articoli, recensioni e poesie con diverse riviste telematiche. Ha partecipato come poeta alla VII Edizione della Carovana dei Versi nel 2012-2013, e sue opere sono state pubblicate nel 2013 all’interno dell’antologia edita dalla Casa Editrice Abrigliasciolta di Varese. Ha tenuto corsi di scrittura e di sceneggiatura presso la libreria Egea dell’Università Bocconi di Milano, presso l’I.I.S. A. Lunardi di Brescia, in svariate biblioteche e associazioni del comprensorio bresciano e in alcune scuole svizzere. Un film per cui ha scritto la sceneggiatura è stato opzionato due volte e ha collaborato come sceneggiatore a una produzione internazionale (“Haiti Voodoo”, 2011). In un lontano passato ha suonato in svariati gruppi musicali e ha collaborato a numerosi cortometraggi. Attualmente vive e lavora a Brescia. Dal 2002 è Presidente di Magnoliaitalia e dal 2013 è docente e direttore della Bottega della Scrittura di Brescia, scuola professionale per scrittori.