Gwyneth Lewis

0
297

Gwyneth Lewis è parlante bilingue (gallese e inglese); dopo il riconoscimento quale poetessa in lingua inglese, al tempo dei sui studi oxoniensi, nei primi anni ottanta, ha pubblicato un’antologia, Sonedau Redsa a Cherddi Eraill (1990) anteriore alla pubblicazione di Parables & Faxes (Bloodaxe Books, 1995) raccolta che segna il suo debutto in lingua inglese. La sua prima sequenza poetica, “Welsh Espionage” è significativa perché vi si sostiene l’idea della Welshness come valore da introdurre di soppiatto, fra le righe della cultura inglese dominante, andando oltre le molte stanze formali; un’idea ispirata dalle prime poesie spy-in-the-northern-landscape di Auden.

Gwyneth Lewis è stata nominata Poeta Nazionale del Galles nel 2005, prima autrice  insignita del titolo di poeta laureato. Ha pubblicato sei libri di poesia in gallese e in inglese, seguiti da Chaotic Angels (Bloodaxe Books, 2005) che raccoglie i testi di tre raccolte inglesi precedenti: Parables & Fakes (1995), Zero Gravity (1998) e Keeping Mum (2003). La sua epica moderna A Hospital Odyssey (Bloodaxe, 2010) e il successivo Sparrow Tree (2011) sono pubblicati separatamente.

Il suo primo libro non-fiction, Sunbathing in the Rain: A Cheerful Book on Depression (Flamingo, 2002) figurava nella rosa dei finalisti per il Mind Book of the Year. Il secondo, Two in a Boat: A Martial Voyage (Fourth Estate, 2005), racconta un viaggio fatto con il marito, su una piccola imbarcazione, da Cardiff fino al Nord Africa.

Ha studiato al Girton College di Cambridge, e ha conseguito un dottorato di ricerca in inglese a Oxford con una tesi sui falsi letterari nel 18° secolo. Dopo aver lavorato molti anni come produttore di documentari e direttrice della BBC gallese, è diventata scrittrice freelance. È membro della Royal Society of Literature, della Welsh Academi e della  NESTA. Vive a Cardiff.


Traduzione di Angela D’Ambra
Angela D’Ambra si è laureata in Lingue e Letterature Straniere (Università di Firenze) nel 2008. Nel 2009 ha conseguito il diploma di Master II in traduzione di testi post-coloniali in lingua inglese (Pisa); nel 2015, la laurea in Lettere moderne (Firenze); nel 2019, la laurea magistrale in Teorie della Comunicazione (Firenze). Dal 2010 traduce, a livello amatoriale (non-profit), poesia postcoloniale in lingua inglese. Le sue traduzioni sono apparse su varie riviste italiane online e cartacee. Ha pubblicato tre libri di poesia canadese in traduzione italiana: Gary Geddes, Essere morti a Venezia (novembre 2019); Glen Sorestad, Betulle danzanti (febbraio 2020), Susan McMaster, Visitazioni (marzo 2020). Le tre plaquette sono pubblicate da IMPREMIX, Torino.
SHARE
Articolo precedenteFrom the Kitchen: Mare Bilingue
Articolo successivoIngeborg Bachmann
Emilia Mirazchiyska (1972) vive e lavora a Sofia, Bulgaria, dove è nata. È editore e direttore della piccola casa editrice Scalino, che include a catalogo anche due antologie in italiano da lei curate: “Maternità possibili” (insieme a Rayna Castoldi, 2011) e “Saluti a Dickens – 15 storie di Natale” (2012). Oltre ad aver insegnato per anni storia dell’arte al Liceo Italiano di Sofia, è traduttrice: a sua firma la versione tradotta del primo romanzo di Francesca Lancini “Senza tacchi” (Bompiani, 2011) e la prima parte del libro di poesie di Dome Bulfaro “Marcia film” (Scalino, 2016). Ha inoltre tradotto dal bulgaro all’italiano con diversi co-traduttori/poeti italiani i libri di alcuni importanti poeti bulgari: Vladimir Levchev (il cui libro antologico di poesie “Amore in piazza” è pubblicato in Italia da Terra d’ulivi edizioni, febbraio 2016, nella loro traduzione con Fabio Izzo); Beloslava Dimitrova (“La natura selvaggia”, pubblicato in Italia da Arcipelago itaca edizioni, febbraio 2017, nella loro traduzione con Danilo Mandolini); Aksinia Mihaylova (“Nel delta del mondo”, pubblicato in Italia da Edizioni Kolibris, maggio 2017, nella loro traduzione con Francesco Tomada).

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *