Grace Nichols

0
221

Grace Nichols è nata a Georgetown, Guyana, nel 1950 ed è cresciuta in un piccolo villaggio sulla costa guyanese. Si è trasferita con la famiglia in città all’età di otto anni, un’esperienza narrata nel suo primo romanzo, Whole of a Morning Sky (1986), ambientato nella Guyana degli anni sessanta nel corso della lotta per l’indipendenza di quel paese.
Ha lavorato come insegnante e giornalista e, dopo essersi laureata in scienza della comunicazione all’università della Guyana, ha vissuto a lungo nelle aree rurali più remote di quel paese, una fase che ha influenzato i suoi scritti e ha incoraggiato un interesse per le leggende popolari guyanesi, i miti amerindi e le civiltà precolombiane.Si è poi trasferita in Inghilterra dove vive senza interruzioni dal 1977 insieme al suo compagno, il poeta e romanziere John Agard.
La sua prima raccolta di poesie, I is a Long-Memoried Woman, è uscita nel 1983. Il libro si aggiudicò il prestigioso Commonwealth Poetry Prize e un film tratto da quel testo ottenne la medaglia d’oro all’International Film and Television Festival di New York. Il libro è stato anche adattato sotto forma di radiodramma dalla BBC.
Le seguenti raccolte poetiche includono The Fat Black Woman’s Poems (1984), Lazy Thoughts of a Lazy Woman (1989),  Sunris (1996), Picasso, I Want My Face Back (2009), il suo libro retrospettivo di poesie scelte I Have Crossed an Ocean (2010),  The Insomnia Poems (2017) e Passport to Here and There (2020).
A quella di poeta, Nichols affianca una ricca produzione di romanzi e libri per l’infanzia, ispirati soprattutto dal folklore della Guyana e dalle leggende Amerindie.

Le poesie di Grace Nichols celebrano la sensualità, la generosità, il calore primordiale e attaccano la meschinità, l’egoismo, il razzismo o il suo travestimento più comune, l’ipocrita paternalismo.
La sua prima raccolta, I Is a Long Memoried Woman (1983), che ha ottenuto il prestigioso Commonwealth Poetry Prize, è l’ambiziosa storia di una donna Afro-Caraibica vista attraverso tutti gli stadi dello sfruttamento storico.
The Fat Black Woman’s Poems (1984), forse il suo libro più popolare, ruota intorno a un personaggio nuovo ed emblematico: “La grassa donna negra”. È una divertente, rilassata e carnale sfida a tutto ciò che è magro e mediocre nella società occidentale. La magrezza, quindi, come segno di avarizia e meschinità, come nella celebre tirata di Giulio Cesare contro Cassio nella tragedia Shakespeariana.
In Lazy Thoughts of a Lazy Woman (1989) la voce è simile a quella della “grassa donna negra” ma questa volta orientata verso un’accettazione e una conquista psicologica del proprio “ambiente acquisito”, verso un desiderio di appartenenza, quasi di contro-colonizzazione, come nel famoso verso, diventato proverbiale: wherever I hang me knickers that’s my home: “casa è dovunque io metta le mutande a stendere”.
Anche la lingua si fà gergale e dialettale, in un orgoglioso recupero della lingua creola caraibica contro l’“inglese della regina”. In questo Grace Nichols si affianca a quel movimento fertilissimo dell’Inghilterra contemporanea che sono i poeti “dub” di origine caraibica.

SHARE
Articolo precedenteGrace Nichols – Passport to Here and There
Articolo successivoGrace Nichols – Perso nella traduzione
Andrea Sirotti è nato a Firenze, dove insegna lingua e letteratura inglese. Fa parte delle redazioni di «Semicerchio», rivista di poesia comparata, e di «Interno Poesia», blog e casa editrice per la promozione della poesia. Da più di vent’anni svolge l’attività di traduttore letterario, soprattutto di poesia e di narrativa postcoloniale in lingua inglese per varie case editrici tra cui Einaudi, Giunti, Rizzoli, Le Lettere, Elliot e Interno Poesia. Tra i poeti tradotti e curati figurano, tra gli altri, Carol Ann Duffy, Eavan Boland, Margaret Atwood, Arundhathi Subramaniam, Jane Hirshfield, nonché classici come Rabindranath Tagore, Emily Dickinson e Oscar Wilde. Curatore e co-curatore di antologie poetiche “a tema”, ha al suo attivo: “L’India dell’anima”, antologia di poesia femminile indiana contemporanea in lingua inglese (Le Lettere, Firenze 2000, [seconda edizione, 2006]); “Men/Uomini”, ritratti maschili nella poesia femminile contemporanea, con Giorgia Sensi (Le Lettere, Firenze 2004) e “Gatti come Angeli”, antologia di poesia erotica femminile in lingua inglese, con Loredana Magazzeni (Medusa, Milano 2006).

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *