Sulla ricchezza

0
134

In questo articolo suggerisco tre libri che affrontano il tema della ricchezza da punti di vista diversi e con obiettivi altrettanto diversi ma il cui messaggio sottile è lo stesso: il mondo come lo conosciamo sta per finire e, se non cambiamo le cose, prima di tutto all’interno di noi stessi e poi all’esterno, prendendoci la responsabilità della nostra vita e anche della società in cui viviamo, soccomberemo con esso.

Ci tengo a ricordare che Il Pensiero Verticale non nasce meramente come una rubrica di recensioni ma vorrebbe portare i lettori a guardarsi dentro, mettersi in discussione, aprire gli occhi e il cuore e assumersi la responsabilità della propria vita. È sufficiente fare un giro sui Social  Media per vedere che la maggior parte delle persone scarica la propria rabbia, insoddisfazione e frustrazione sugli altri senza criterio: basta che un altro la pensi diversamente su un argomento, che abbia scelto una strada diversa o  – apriti cielo – che abbia avuto successo ed ecco che partono gli insulti, le lamentele e, soprattutto, lo scarico di responsabilità sugli “altri”. Si legge ovunque: “Qualcuno dovrebbe fare qualcosa!”, “Dovrebbero aiutarli!” Ma chi è questo qualcuno? Come mai non è mai chi scrive? Per quanto riguarda la ricchezza poi, secoli di insegnamenti e credenze errate e limitanti hanno lobotomizzato le persone, che vorrebbero l’abbondanza ma allo stesso tempo la rifuggono perché è “moralmente sbagliata”, “sporca” e così via.

Spero quindi che La Via della Ricchezza di Salvatore Brizzi, Sulla Ricchezza di Flavio Briatore e Soldi. Domina il gioco di Anthony Robbins vengano utilizzati come spunti per scavarsi dentro e mettersi in discussione, scoprendo anche le ferite e le credenze limitanti che ci fanno reagire meccanicamente a quello che ci succede, così da poter finalmente prendere in mano le redini della nostra vita, a cominciare da un tema delicato come quello della ricchezza e del denaro perché, consciamente o inconsciamente (soprattutto la seconda), tocca chiaramente delle corde molto profonde in tutti noi.

***

Flavio Briatore
Sulla Ricchezza
Sperling (2017), 182 pagine – €17,90

Un libro amaro sulla situazione attuale dell’Italia (che dura ormai da tempo immemore), impantanata nella burocrazia e nell’immobilità ma soprattutto nell’incapacità di innovare e nei pregiudizi verso la ricchezza. Briatore, che crea scompiglio ogni volta che apre bocca sebbene – se ci osserviamo onestamente – dica la verità (che non vogliamo vedere), ci sbatte in faccia la problematica situazione di un’Italia che ha più risorse di molte altre nazioni messe insieme ma che non sa (o non vuole) usarle perché non è disposta a guardare in faccia la realtà, a mettersi in gioco e osare, a rinnovarsi. Per fortuna ci sono diverse soluzioni a questo problema, come Briatore illustra questo libro, ma finché continueremo a porre ostacoli alla loro realizzazione rimarremo invischiati nella palude che ci siamo creati.

“Al Paese-Italia piace immaginare tutti i ricchi come zoticoni, grossolani e maleducati. Così, indaffarati a polemizzare e generalizzare, ce li lasciamo sciaguratamente scappare. Loro girano alla larga, e qui si corre in tabaccheria a comprare il biglietto del SuperEnalotto. Perché, in fondo, tanto sprezzo per i ricchi nasce dal sogno di vivere esattamente come loro.
Purtroppo, come i ricchi sanno bene, le lotterie istantanee, che vendono il miraggio della fortuna come fosse la navicella spaziale che conduce al pianeta del benessere, sono soltanto strumenti di ulteriore impoverimento ai danni di chi già fatica ad arrivare alla fine del mese.
La navicella non parte, il pianeta non si vede. Non arrivano soldi, ma delusione e rabbia. Così, non rimane che sfogare le proprie frustrazioni su quei privilegiati che hanno un’unica colpa, ma imperdonabile: la ricchezza. Ignorando, o facendo finta di non sapere, che molto spesso dietro a un patrimonio accumulato ci sono idee, coraggio, capacità manageriali o imprenditoriali, fatica, dedizione, sacrifici.”

***

Salvatore Brizzi
La Via della Ricchezza
Anima (2017), 224 pagine  – €15,00

Un libro per i coraggiosi perché ci costringe a lasciar andare i nostri attaccamenti, le nostre credenze e tutto ciò cui il nostro ego si aggrappa per mantenerci nello status quo, fatto di lamentela e scarico delle responsabilità. Diversamente da quello che ci hanno sempre insegnato (riassunto perfettamente nel libro di Briatore soprammenzionato), la ricchezza viene presentata come un dovere, un servizio all’umanità, e non un diritto, un piacere o una fuga dalla propria infelicità. In linea con il “lavoro su di sé”, il cui fulcro è la consapevolezza che il mondo è il nostro specchio, la ricchezza comincia all’interno di noi e successivamente si manifesta all’esterno, non necessariamente come l’ego immagina o vorrebbe ma piuttosto secondo ciò che la Vita sa essere meglio per noi, per la nostra evoluzione. Leggete questo libro solo se siete sinceramente interessati ad apportare veri cambiamenti in voi stessi e nella vostra vita.

“Io non appartengo alla categoria dei motivatori, non sono un esperto di “legge di attrazione” né mi occupo di coaching; il mio scopo infatti non è il denaro e non voglio che lo sia per voi. In questo libro non vi insegnerò a vendere di più, ad essere competitivi o a inseguire i soldi. Vi darò i mezzi per trasformarvi, affinché i soldi arrivino a voi senza che dobbiate inseguirli, come conseguenza spontanea del vostro radicale cambiamento. Avendo realizzato già da tempo che solo il Sé – l’essenza profonda dell’essere umano  – è reale, mentre tutto il resto fa parte di un’illusione olografica, il mio autentico scopo è portare altri alla medesima realizzazione, qualunque sia l’argomento che tratto nei miei scritti. Un uomo che sa chi è, è un uomo invincibile e di successo.
La ricchezza è unicamente la conseguenza dell’aver ottenuto delle progressive espansioni di coscienza. Nella misura in cui, giorno dopo giorno, vi identificherete sempre di più con il vostro autentico Sé e aprirete il vostro Cuore alla vita, il cambiamento di coscienza che avverrà in voi sarà di natura tale per cui risolverete in maniera definitiva le vostre difficoltà col denaro e otterrete tutti i soldi che vi occorrono per portare avanti i vostri progetti, ma… soprattutto… scoprirete finalmente quali sono questi progetti.”

***

Anthony Robbins
Soldi. Domina il gioco
Bompiani (2015), 679 pagine – €24,00

Il penultimo libro di Tony Robbins raccoglie numerose interviste ai migliori investitori del mondo per rivelarci i loro segreti ma, come è nella natura di Tony, offre anche moltissimi spunti e consigli pratici per migliorare se stessi e il proprio atteggiamento nei confronti del denaro, il che – come spiegato sopra – è fondamentale per apportare cambiamenti positivi nella nostra vita. Come al solito, Tony Robbins è in grado di esprimere concetti anche complessi in modo immediato e affascinante, e di spronare chiunque lo legga o lo ascolti a dare il meglio. Nell’introduzione vengono presentate cinque domande fondamentali che ognuno dovrebbe porre a se stesso per capire ciò che vuole davvero e poter agire di conseguenza: 

  1. Che cosa voglio davvero?
  2. Quali sono le cose importanti?
  3. Come ci arrivo?
  4. Cosa mi impedisce di averlo
  5. Come farò a sapere di esserci riuscito?

E adesso tocca a voi…

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *