Lise Bourbeau – Le Cinque Ferite e come guarirle

0
728

Le cinque ferite e come guarirle di Lise Bourbeau (di)mostra  come tutti i problemi mentali, fisici ed emotivi derivano da ferite che riceviamo principalmente durante l’infanzia e sono principalmente cinque:

Rifiuto, abbandono, ingiustizia, umiliazione e tradimento.
Queste ferite, fino a che non sono guarite e trasmutate, condizionano la nostra vita e ci fanno indossare delle maschere, che abbiamo sviluppato per non vedere e non sentire queste ferite e si attivano ogni qual volta ci sentiamo – di solito accade tutto inconsciamente – minacciati e a rischio di subire nuovamente quella specifica ferita:

FERITA DEL RIFIUTO = MASCHERA DEL FUGGITIVO

FERITA DELL’ ABBANDONO = MASCHERA DEL DIPENDENTE

FERITA DELL’ UMILIAZIONE = MASCHERA DEL MASOCHISTA

FERITA DEL TRADIMENTO = MASCHERA DEL CONTROLLORE

FERITA DELL’INGIUSTIZIA = MASCHERA DEL RIGIDO

Ogni volta che ci troviamo in una situazione che può, inconsciamente, riattivare la nostra ferita, mettiamo su la maschera corrispondente per difenderci, non consapevoli che tale maschera in realtà continua a tenerci nella paura e, naturalmente, non ci permette di essere autentici, né con noi stessi, né con gli altri. Ad esempio, ogni volta che ci troveremo in una situazione in cui ci sentiamo rifiutati, metteremo su la maschera del fuggitivo.

Interessantissimi i profili che l’autrice fa di ogni ferita/maschera, che includono vari tipi di informazioni quali il tipo di comportamento che attuiamo – l’alimentazione tipica, la scelta di parole che usiamo e così via- in corrispondenza di ogni ferita/maschera.

Lise Bourbeau è arrivata alle conclusioni del libro dopo aver valutato migliaia di casi e notando che le persone che mostravano segni di precise ferite, avevano in comune caratteristiche fisiche, comportamento modo di comunicare, problemi di salute, e schemi mentali.

Il perdono  – che parte sempre dal perdono di noi stessi – si rivela essere la chiave per guarire, e questo magnifico libro spiega in modo chiaro, pratico e dettagliato il percorso da seguire.
Da non perdere.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *