Massimo Carlotto – Alla fine di un giorno noioso

0
133

Proprietario di un ristorante nel Veneto degli affari e delle connivenze, Giorgio Pellegrini è sposato con la succube Martina e ospita in una saletta riservata, regolarmente bonificata da cimici, le riunioni non proprio specchiate dell’avvocato Sante Brianese, onorevole in procinto di rielezione. Ma Brianese cerca di ingannare Pellegrini, che ha un passato oscuro e violento da criminale. Riuscirà il nostro eroe cattivo a sventare il diabolico piano dell’avvocato?

Alla fine di un giorno noioso riprende il protagonista negativo di Arrivederci, amore, ciao dieci anni dopo, regalandoci un altro viaggio nell’abisso dell’animo umano, dal quale non c’è ritorno e che quindi non offre un lieto fine, ma che ci costringe a confrontarci con le ombre che si nascondono in ciascuno di noi, soprattutto perché simpatizziamo con un personaggio detestabile solo perché i suoi nemici sono peggio di lui.

Con una scrittura asciutta e priva di orpelli, cruda e tagliente come uno stiletto, e una narrazione aliena da sentimentalismi e dai buonismi da quattro soldi che vanno tanto di moda, Massimo Carlotto ci trascina in un mondo di intrighi, vendette e oscuri segreti. Il romanzo è denso di avvenimenti, che procedono a ritmo incalzante per regalarci un noir moderno per palati forti, pronto a scuotere e a far riflettere. E che smaschera il perbenismo ipocrita di certa provincia.

SHARE
Articolo precedenteEdipo Re
Articolo successivoStephen King – L’uomo in fuga
Heiko H. Caimi, classe 1968, è scrittore, sceneggiatore, poeta e docente di scrittura narrativa. Ha collaborato come autore con gli editori Mondadori, Tranchida, Abrigliasciolta e altri. Ha insegnato presso la libreria Egea dell’Università Bocconi di Milano e diverse altre scuole, biblioteche e associazioni in Italia e in Svizzera. Dal 2013 è direttore editoriale della rivista di letterature Inkroci. È tra i fondatori e gli organizzatori della rassegna letteraria itinerante Libri in Movimento. ha collaborato con il notiziario "InPrimis" tenendo la rubrica "Pagine in un minuto" e con il blog della scrittrice Barbara Garlaschelli "Sdiario". Ha pubblicato il romanzo "I predestinati" (Prospero, 2019) e ha curato le antologie di racconti "Oltre il confine. Storie di migrazione" (Prospero, 2019), "Anch'io. Storie di donne al limite" (Prospero, 2021) e "Ci sedemmo dalla parte del torto" (Prospero, 2022, insieme a Viviana E. Gabrini). Svariati suoi racconti sono presenti in antologie, riviste e nel web.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *