Howard Phillips Lovecraft – L’ombra venuta dal tempo

0
428

Nathaniel Wingate Peaslee, professore dell’Università di Miskatonic, ha una strana amnesia che gli procura un totale cambiamento della personalità e gli fa intraprendere lo studio dell’occultismo e di altre materie oscure. Cinque anni dopo sembra ritornare in sé, senza però alcun ricordo di quel periodo di tempo. La memoria ritornerà a poco a poco, rivelandogli un segreto destinato a sconvolgere la sua stessa concezione del mondo.

Dopo una prima parte che ricorda molto alcuni racconti di Edgar Allan Poe, Lovecraft imbastisce l’ennesimo tassello della sua cosmogonia, riallacciandosi ad altre storie del Ciclo di Cthulhu e creando uno straordinario ibrido tra horror e fantascienza che, nella parte conclusiva, ci porta ad abbracciare un tema molto caro a Jorge Luis Borges.

Basato su un sogno dello stesso Lovecraft, si collega direttamente con il romanzo Le montagne della follia, il cui protagonista, il professor William Dyer, compie un viaggio in Australia insieme al professor Peaslee, e con il racconto La città senza nome, giacché il viaggio nel deserto arabo ricorda la patria di Abdul Alhazred, autore, oltre che del Necronomicon, del famigerato “distico inesplicabile”: Non è morto ciò che in eterno può attendere / e con il passar di strani eoni anche la morte può morire.

Lo stile fortemente oggettivato e ridondante, l’assillo descrittivo e la potenza evocativa fanno di questo romanzo breve, il penultimo pubblicato dall’autore, uno fra i migliori della sua produzione.

SHARE
Articolo precedenteAnthony Berkeley Cox – Il caso dei cioccolatini avvelenati
Articolo successivoEdward Thomas – Adlestrop
Heiko H. Caimi, classe 1968, è scrittore, sceneggiatore, poeta e docente di scrittura narrativa. Ha collaborato come autore con gli editori Mondadori, Tranchida, Abrigliasciolta e altri. Ha insegnato presso la libreria Egea dell’Università Bocconi di Milano e diverse altre scuole, biblioteche e associazioni in Italia e in Svizzera. Dal 2013 è direttore editoriale della rivista di letterature Inkroci. È tra i fondatori e gli organizzatori della rassegna letteraria itinerante Libri in Movimento. ha collaborato con il notiziario "InPrimis" tenendo la rubrica "Pagine in un minuto" e con il blog della scrittrice Barbara Garlaschelli "Sdiario". Ha pubblicato il romanzo "I predestinati" (Prospero, 2019) e ha curato le antologie di racconti "Oltre il confine. Storie di migrazione" (Prospero, 2019), "Anch'io. Storie di donne al limite" (Prospero, 2021) e "Ci sedemmo dalla parte del torto" (Prospero, 2022, insieme a Viviana E. Gabrini). Svariati suoi racconti sono presenti in antologie, riviste e nel web.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *