Ruth Rendell – A forma di cuore

0
2309

Raffinata novella di sapore ottocentesco

Un’adolescente ombrosa, una sorellina che vede fantasmi, un padre erudito; sullo sfondo, una tetra casa avita: gli ingredienti del romanzo gotico ci sono tutti e, se non fosse per alcuni marginali riferimenti a televisione e telefono, si potrebbe pensare a un’ambientazione ottocentesca. La narrazione in prima persona della giovane protagonista, unita a un linguaggio preciso e antiquato, alimentano l’illusione. La trama, imperniata sull’amore esclusivo della figlia verso l’inarrivabile genitore, è solo apparentemente abusata, perché l’autrice la fa deviare verso direzioni sorprendenti, introducendo elementi di modernità che spiazzano il lettore rassegnato a un’evoluzione prevedibile della vicenda. Una lettura piacevole e non banale.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *