Nicoletta Vallorani – La fatona

0
1763

Finezze per l’infanzia

Marina Pardo è orfana e vive con la “nonnigna” Ada, una donna fantasiosa e benigna che la accetta per quella che è anche scoprendo che Marina può magicamente cambiare i noiosi programmi televisivi, inventando una tivù frizzante e intelligente. Quando la nonnigna muore, la bambina finisce tra le grinfie delle due ziastre Marty e Berty, arcigne e taccagne proprietarie di un micragnoso negozio di generi alimentari che vende solo cibi preconfezionati. Le zie la schiavizzano cotringendola a fare la commessa, ma Marina riesce a evadere dalla routine grazie all’amico Gigi, con il quale affronta un carosello di scontri contro il Mago Blu, signore del catodo omologante.

Ottimo romanzo per l’infanzia che sa sfidare i luoghi comuni senza mai essere pedante, condotto con verve e umorismo, leggibile con piacere anche dagli adulti. Almeno da quelli intelligenti.

Memorabile.

SHARE
Articolo precedenteBarbara Garlaschelli – O ridere o morire
Articolo successivoEric-Emmanuel Schmitt – La giostra del piacere
Heiko H. Caimi, classe 1968, è scrittore, sceneggiatore, poeta e docente di scrittura narrativa. Ha collaborato come autore con gli editori Mondadori, Tranchida, Abrigliasciolta e altri. Ha insegnato presso la libreria Egea dell’Università Bocconi di Milano e diverse altre scuole, biblioteche e associazioni in Italia e in Svizzera. Dal 2013 è direttore editoriale della rivista di letterature Inkroci. È tra i fondatori e gli organizzatori della rassegna letteraria itinerante Libri in Movimento. ha collaborato con il notiziario "InPrimis" tenendo la rubrica "Pagine in un minuto" e con il blog della scrittrice Barbara Garlaschelli "Sdiario". Ha pubblicato il romanzo "I predestinati" (Prospero, 2019) e ha curato le antologie di racconti "Oltre il confine. Storie di migrazione" (Prospero, 2019), "Anch'io. Storie di donne al limite" (Prospero, 2021) e "Ci sedemmo dalla parte del torto" (Prospero, 2022, insieme a Viviana E. Gabrini). Svariati suoi racconti sono presenti in antologie, riviste e nel web.