Gesualdo Bufalino – Diceria dell’untore

0
1436

Culto appassionato per il verbum

 Si racconta la convivenza di alcuni reduci di guerra moribondi in un sanatorio della Conca d’Oro, nel ’46. Fra il protagonista e una paziente dagli ambigui trascorsi nasce un amore, puerile e condannato in partenza, più di parole che d’atti, il cui sbocco è una fuga a due senza senso…
È con questo piccolo universo rinchiuso fra le mura di un ospedale che Gesualdo Bufalino rende palese la sua personale liturgia della parola. Un mondo lessicale variegato, dove ogni frase esplode in molteplici riflessi e rimandi, un mosaico policromo sospeso fra Eros e Thanatos.

La parola, prima di essere cifra stilistica, diviene ossatura dell’esistenza. Per una precisa scelta dell’autore i protagonisti non rispecchiano differenze nel loro linguaggio: veleggiano tutti in un cielo punteggiato di sontuosi aggettivi.
Siamo di fronte a un’opera per larghi tratti simbolica, dove l’uso perfetto della metafora affascina a ogni pagina. Il gusto ironico per l’erudizione diventa a tratti sfarzo linguistico baroccheggiante, contagio reciproco di amore e morte, sensibilità tardo-decadente. Uno dei capolavori italiani contemporanei.

SHARE
Articolo precedenteMary O’Donnell – Lo spazio fra Louis e me
Articolo successivoRiccardo De Torrebruna – Blood & breakfast
Giorgio Olivari nasce a Brescia nel secolo scorso. È professionista nel campo del disegno industriale da più di trent’anni. Dopo i primi quarant’anni da lettore scopre la scrittura per caso: uno scherzo della vita. La compagna di sempre lo iscrive a un corso di scrittura creativa: forse per gioco, più probabilmente per liberarsi di lui. Una scintilla che, una volta scoccata, non si spegne ma diventa racconto, storie, pensieri; alcuni dei quali pubblicati dai tipi di BESA in "Pretesti Sensibili" (2008). La prima raccolta di racconti brevi, "Futili Emotivi", è pubblicata da Carta & Penna Editore nel 2010. La sua passione per la letteratura lo ha portato a “contagiare” altri lettori coordinando gruppi di lettura: Arcobaleno a Paderno Franciacorta, Chiare Lettere a Nave.