La fantastica signora Maisel

0
157

Nell’opinione di chi scrive, specie nei tempi psicologicamente provanti che stiamo vivendo da mesi, una serie tv dovrebbe rispondere, se non altro, a due requisiti: divertire mantenendo uno standard qualitativo alto. La fantastica signora Maisel, alla sua terza stagione, mantiene decisamente fede a queste aspettative.

Questa serie di Amazon Prime scritta da Amy Sherman-Palladino, già autrice di Gilmore Girls e Bunheads, ci conduce nella New York di fine anni Cinquanta facendoci vivere le avventure di Miriam “Midge” Maisel ˗ interpretata da una bravissima Rachel Brosnahan – una giovane donna della comunità ebraica col sogno di una carriera di successo nella Stand-up comedy. Midge a inizio serie sembra aderire al perfetto cliché della casalinga da boom economico, completamente dedita alla famiglia e sempre impeccabile, ma ha già un’esuberanza che la fa brillare. Quando all’improvviso viene lasciata dal marito, il suo mondo altoborghese pieno di certezze crolla in pezzi: ubriaca, si precipita al Gaslight, il locale che è solita frequentare, prende il microfono e si lancia in un monologo disperato ed esilarante. Da quel momento, sotto la guida di Susie, manager burbera e anticonvenzionale, prenderà avvio la sua carriera luminosa.

Nelle vicende di Midge convivono riferimenti alla società di fine anni Cinquanta precisi e frequenti, dalle discriminazioni razziali alla condizione della donna, passando per la storia della Stand-up: fa capolino tra i personaggi il gigante del genere, Lenny Bruce (interpretato da Luke Kirby). Il tutto viene condotto con grazia e brio, senza cedere al didascalico. I dialoghi brillanti e dal ritmo serrato sono spassosi e costruiscono, stagione dopo stagione, personaggi tridimensionali. Una parte non trascurabile del fascino della serie risiede inoltre nei costumi, in alcuni casi veri e propri omaggi al cinema di quegli anni. In definitiva, La fantastica signora Maisel, con la sua attenzione al dettaglio e una scrittura eccellente, è la prova che qualità e intrattenimento puro possono convivere magnificamente, regalandoci un prodotto della serialità veramente notevole.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *