Feud

La prima stagione di Feud (da tradurre come faida, contesa) è stata trasmessa fra marzo e aprile del 2017 ed è il racconto in otto puntate, tratto dalla storia vera, della rivalità fra le leggendarie attrici Joan Crawford e Bette Davis, interpretate rispettivamente da Jessica Lange e Susan Sarandon. La storia è ambientata prevalentemente durante le riprese del film What Ever Happened to Baby Jane? (Che fine ha fatto Baby Jane?) del 1962, palcoscenico principale dei loro attriti.
Sebbene il ritmo della narrazione sia piuttosto lento, la serie nel complesso non risulta mai noiosa. Viene sempre lasciato molto spazio alla dimensione introspettiva delle due attrici e riusciamo a capire il punto di vista di entrambe, poiché non solo viene esplicitato ciò che pensano, ma assistiamo a stralci della loro vita personale, riuscendo quindi a empatizzare con entrambe.
Da un lato Joan Crawford, considerata una delle donne più belle sulla scena Hollywoodiana, combatte con il passare del tempo, che lascia segni visibili sul suo corpo; dall’altro Bette Davis, da sempre riconosciuta per il suo talento, fatica a trovare ruoli interessanti da interpretare. Entrambe abituate ad essere protagoniste assolute, si trovano nella circostanza di dover condividere la scena, e nessuna delle due sembra intenzionata a lasciare che i riflettori vengano puntati sulla rivale.

In altre parole… in tutti questi anni avremmo potuto essere amiche? Questo è il titolo dell’ultimo episodio, e fa riferimento ad una frase che viene pronunciata nel film Che fine ha fatto Baby Jane?. Al di là del contesto nella pellicola, nella serie viene lasciato intendere che le due attrici, molti anni dopo la fine delle riprese, si renderanno conto di essere molto più simili di quanto non pensassero allora: seppur in modo differente, tutte e due stavano facendo i conti con l’età che avanzava, trovandosi a lavorare in un’industria che da sempre esalta un’irraggiungibile stereotipo di bellezza. Si erano incontrate in un periodo in cui tutte e due si stavano vedendo strappare i ruoli da giovani astri nascenti, ed entrambe stavano vivendo situazioni familiari e crisi personali molto difficili; come se non bastasse, in quell’occasione ognuna di loro si era trovare a dover lavorare con un’attrice di fama mondiale che temevano e ammiravano.
Riusciamo ad immaginare come sarebbero andate le cose se avessero capito fin da subito quanto fossero profondamente simili?

 

 

 

 

 

La serie è molto interessante perché ci offre la possibilità di conoscere due colonne portanti del mondo del cinema in modo intimo e delicato; è introspettiva e ci porta ad empatizzare con entrambe, senza lasciar intendere una preferenza fra le due dive. Il ritmo lento è, in questo caso, un valore aggiunto, poiché la dilatazione dei tempi offre spazio per la riflessione. Il tutto reso perfetto dalla recitazione impeccabile di attori del calibro di Jessica Lange, Susan Sarandon e Stanley Tucci.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *