Ursula K. Le Guin – I reietti dell’altro pianeta

0
367

Shevek, uno scienziato di talento nell’ambito della fisica, vive su Anarres, un pianeta utopico, apparentemente perfetto, governato da principi di anarchismo e comunismo, priva di proprietà privata e di un governo centralizzato. Tuttavia, i difetti dell’umano sentire finiscono per imprigionare Shevek, che non può esprimere appieno il proprio potenziale, essendo limitato dal conformismo e dalla mancanza di libertà individuale, poiché gli individualismi sono messi all’indice in quanto egoizzazioni. Queste restrizioni ideologiche lo portano a raggiungere Urras, un pianeta più simile alla Terra, caratterizzato da una società fortemente capitalistica e gerarchica. La dicotomia tra Anarres e Urras mette in luce le imperfezioni di entrambi i sistemi, ma alla fine Shevek compirà una scelta per la parte che meglio rappresenta la speranza umana.

I Reietti dell’Altro Pianeta è un’opera profondamente politica, con un occhio critico rivolto alle ideologie dominanti. L’autrice si interroga sulla validità delle strutture sociali esistenti, sfidandoci a riflettere su concetti come potere, libertà e cooperazione em sottolineando la necessità di un costante esame critico delle strutture sociali per evitare l’immobilismo e l’oppressione.
La struttura narrativa non è lineare: la storia di Shevek si sviluppa su due linee temporali parallele, quella del suo presente su Urras e quella del suo passato su Anarres, permettendoci di esplorare i due ambiti in simultaneità, una scelta stilistica contribuisce a enfatizzare la complessità dei personaggi e la natura ambigua delle diverse strutture sociali.

I Reietti dell’Altro Pianeta è un’opera di critica sociale travestita da romanzo di fantascienza. Attraverso una narrazione avvincente e un’analisi profonda delle strutture sociali, Ursula K. Le Guin ci consegna una pietra miliare della letteratura.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *