Garth Ennis e Darick Robertson – Punisher: Born

0
363

“Punisher: Born” è un romanzo grafico (graphic novel) scritto da Garth Ennis e illustrato da Darick Robertson, che racconta le origini del celebre personaggio dei fumetti, il Punitore.
La storia segue il sergente Frank Castle prima che divenisse un giustiziere, durante la guerra in Vietnam, mostrando come gli eventi del conflitto lo abbiano trasformato in un uomo determinato a vendicarsi contro coloro che gli hanno fatto del male. Ennis riesce a creare una narrazione complessa, che esplora la psicologia del personaggio in modo approfondito e coinvolgente.

La caratterizzazione di Castle è resa ancora più efficace dalle splendide illustrazioni di Robertson, che riescono a catturare l’essenza del personaggio e del suo mondo in modo dettagliato e realistico. Le scene di combattimento sono particolarmente impressionanti, grazie alla precisione e alla cura dei dettagli che caratterizzano l’arte di Robertson.

Uno degli aspetti più interessanti di “Punisher: Born” è il modo in cui Ennis riesce a esplorare il tema della guerra e della violenza, mettendo in luce le conseguenze disastrose che questi fenomeni hanno sulla psiche degli individui. Il racconto diventa quindi anche una riflessione sulla natura umana e sulla nostra capacità di resistere alle situazioni estreme.
Non mancano gli atti d’accusa contro gli Stati Uniti e la loro politica estera, perché l’America, come viene detto nella prefazione, “ha sempre sostenuto, coperto, protetto e pagato dittatori fascisti, ricchi narcotrafficanti, militari corrotti, regimi criminali”. Memorabile il dialogo tra Angel, un soldato di colore, e Steve, un suo commilitone bianco che lo esorta e resistere perché a casa ha troppe cose per cui vivere. “Tu hai troppe cose per cui vivere” gli risponde Angel, “Tu hai il college che ti aspetta, e un lavoro e la ragazza della porta accanto pronta a spalancare la figa per te. E vivrete insieme felici e contenti. A me mi aspetta solo un ghetto di morte. […] E non raccontarmi stronzate su come c’è sempre del bene insieme al male. Su come chiunque lavori duro può farcela. C’è del bene per te e del male per me, Stevie. Soltanto questo”. E, a proposito della “vera America” di cui ciancia Steve: “È un sogno di merda. Roba degli anni Trenta, degli anni Venti, cazzo. E il fottuto far-baciamilculo-west. È quella la vera America: quando vi sparavate a vicenda, stupravate le indiane e mi chiamavate negro”.

Non c’è assoluzione neppure per Frank Castle, l’unico che sta tenendo duro al confine con la Cambogia senza perdere uomini contro tutto e tutti; perché non è affatto un eroe, ma un macellaio, e si troverà a perdere ben più di ciò che ha conquistato.

“Punisher: Born” è una graphic novel ben scritta e illustrata, che riesce a cogliere l’essenza del personaggio del Punitore e a offrire una narrazione coinvolgente e profonda. Consigliata sia agli appassionati del personaggio, sia a chi cerca una lettura impegnativa e appagante senza avere pregiudizi verso una forma d’arte, il fumetto, che ha sfornato anche capolavori.

SHARE
Articolo precedenteDavide Verazzani – Magical Cinema Tour
Articolo successivoWilla Cather – Peter
Heiko H. Caimi, classe 1968, è scrittore, sceneggiatore, poeta e docente di scrittura narrativa. Ha collaborato come autore con gli editori Mondadori, Tranchida, Abrigliasciolta e altri. Ha insegnato presso la libreria Egea dell’Università Bocconi di Milano e diverse altre scuole, biblioteche e associazioni in Italia e in Svizzera. Dal 2013 è direttore editoriale della rivista di letterature Inkroci. È tra i fondatori e gli organizzatori della rassegna letteraria itinerante Libri in Movimento. ha collaborato con il notiziario "InPrimis" tenendo la rubrica "Pagine in un minuto" e con il blog della scrittrice Barbara Garlaschelli "Sdiario". Ha pubblicato il romanzo "I predestinati" (Prospero, 2019) e ha curato le antologie di racconti "Oltre il confine. Storie di migrazione" (Prospero, 2019), "Anch'io. Storie di donne al limite" (Prospero, 2021) e "Ci sedemmo dalla parte del torto" (Prospero, 2022, insieme a Viviana E. Gabrini). Svariati suoi racconti sono presenti in antologie, riviste e nel web.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *