Ida Travi – (tu lo sai)

0
142

Tu lo sai come stanno le cose, Tasàr
i figli li amavo sopra ogni cosa
dovevo scriverlo, ma dove…

il foglio rosso, è sparito, Tasàr, è sparito

Nella neve, sotto la neve
sopra e sotto la neve
nella casa, in casa, fuori
i figli che avevo li amavo
li amavo sopra ogni cosa

Dovevo scriverlo, Tasàr
ma dove… se anche sapessi scrivere
Tasàr, dove, dove…

da Tasàr. Animale sotto la neve, Moretti & Vitali, 2018

Intervista esclusiva a Ida Travi di Alessia Bronico: “La poesia ti porta via, ti porta sempre da un’altra parte, non puoi sapere dove”

SHARE
Articolo precedenteIda Travi – (date retta)
Articolo successivoLa poesia ti porta via, ti porta sempre da un’altra parte, non puoi sapere dove – Intervista a Ida Travi
Ida Travi
La sua poesia si inscrive nel rapporto tra oralità e scrittura, tematica che nel 2000 affronta con il saggio “L’aspetto orale della poesia” (terza edizione Moretti&Vitali, 2007), e nel 2015 in “Poetica del basso continuo”. In poesia per Moretti&Vitali pubblica “La corsa dei fuochi”, 2006; “Neo/Alcesti poesie per la musica”, 2009, e la sequenza poetica sui Tolki, i parlanti, in cinque libri: “TA’ poesia dello spiraglio e della neve” (2011); “Il mio nome è Inna” (2012); “Katrin. Saluti dalla casa di nessuno” (2015); “Dora Pal, la terra” (2017); e “Tasàr, animale sotto la neve”, 2018. Per il teatro l’atto tragico “Diotima e la suonatrice di flauto” edito da Baldini Castoldi Dalai nel 2004, che diventa nel 2010 opera musicale, Tesi di Laurea in Composizione del M° Andrea Battistoni. Sui suoi radiodrammi e sue poesie alcuni compositori contemporanei hanno composto musiche originali.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *