Afric McGlinchey – Il dovere di una giuria letteraria: perché la recensione è importante.

0
111

Immagino che molti recensori siano essi stessi poeti. Molti di noi conoscono la sensazione di cuore in gola nell’attesa del verdetto del critico, quello che potrebbe influenzare le percezioni del nostro lavoro. E siamo iperconsapevoli del fatto che è un risultato assolutamente da pubblicare; che la maggior parte dei libri di poesia non vendono più di qualche centinaio di copie, e una recensione negativa potrebbe influire negativamente anche su quei piccoli numeri. Inoltre, dal punto di vista dell’autoconservazione, c’è il rischio della rappresaglia! Ricordo Derek Mahon che diceva di aver scritto una volta una recensione critica. Vent’anni dopo, una sua opera fu rappresentata nel West End. La mattina seguente apparve sul giornale una recensione che era così schiacciante, che la pièce dovette essere chiusa. Avete indovinato – lo stesso poeta. Il piatto freddo della vendetta! Il consiglio di Mahon era: non essere un recensore, se sei un poeta!

Ma se i poeti non scrivessero recensioni, chi lo farebbe?

Joel Brouwer ha detto che i poeti hanno la responsabilità di scrivere commenti seri e saggi sui loro contemporanei, anche quando la prospettiva sembra scoraggiante. “Chiamatelo un dovere di giuria letteraria”, disse.

Anche così, che campo minato è! Ovviamente, potremmo tutti elogiare l’uno il lavoro dell’altro in maniera effusiva, ma sarebbe utile? Sicuramente è responsabilità del recensore identificare e promuovere la buona poesia il più possibile. Come disse una volta Douglas Duncan: “Una critica onesta, descrittiva, dettagliata e chiarificatrice mantiene la poesia in buona salute – è l’erbicida della poesia e, nella misura in cui incoraggia il meglio della scrittura, può nutrire anche la poesia”.

Questo è il motivo per cui è importante che un revisore acquisisca una reputazione di integrità, correttezza e, soprattutto, capacità di riconoscere la buona poesia. È una cosa che richiede tempo. Ho scritto oltre 45 recensioni per Sabotage (così come una dozzina di altre per riviste diverse), e direi che sto ancora imparando.

Ovviamente nessuna raccolta è perfetta, e nessun recensore di valore scriverà una recensione brillante senza avere una singola riserva. Come poeta, quello da cui imparo di più sono le critiche. Le debolezze identificate da un recensore, se supportate da prove, possono essere di enorme valore nell’allertare un poeta sui propri tic stilistici o semantici. Certo, uno può sempre ricordare a se stesso che è solo l’opinione di un individuo, e sentirsi libero di non essere d’accordo!

È una strada a doppio senso, essere un recensore. Ho un debito di gratitudine con tutti i poeti che ho recensito, perché ho imparato molto, come poeta, studiando il loro lavoro, imparando sia dai loro punti di forza che dalle loro debolezze.

Uno dei motivi per cui inizialmente ho scelto di scrivere per Sabotage è che potevo evitare le insidie ​​che derivano dal conoscere un poeta di cui si sta esaminando il lavoro, un particolare pericolo nella nostra piccola comunità di poesia irlandese. Di solito, non ho mai sentito parlare dei poeti che sto recensendo, quindi posso essere completamente imparziale. È anche facile essere influenzati dalla reputazione, quindi tendo a non cercare su Google e a concentrarmi solo sul lavoro.

Sabotage Reviews è una piattaforma fantastica, non solo per i poeti, ma anche per i recensori, per affinare le loro capacità critiche. Claire Trévien è una editor eccezionale e ha creato una rivista che ha una meritata reputazione per la qualità delle sue recensioni. L’anno scorso il suo apprezzamento per la lunga lista di revisori di Sabotage ha portato all’idea di questo premio.

Essere selezionata come seconda classificata per il Premio dei Recensori dello scorso anno è stata una vera spinta alla mia autostima come critico. Proprio come è gratificante per i poeti, è importante che anche i recensori ottengano una validazione. Questo premio dà valore al tempo e allo sforzo necessari, così come alla sensibilità e all’abilità indispensabili per valutare il lavoro dei colleghi. E per questo, vorrei ringraziare Claire Trévien e il suo team in crescita presso Sabotage.

22 marzo 2015

La raccolta di Afric McGlinchey, The lucky star of hidden things (La fortunata stella delle cose nascoste), è stata pubblicata da Salmon Poetry nel 2012. Tra i successi ricordiamo l’Hennessy Emerging Poetry Award per il 2010, Editors Choice per il Premio Nord Liberties 2012 (USA) e il Poets Meet Politics per il 2015. Afric è attualmente poeta residente presso l’Uillinn Arts Centre, West Cork. Di recente ha ricevuto una borsa di studio del Consiglio della Contea di Cork per consentirle di completare la sua seconda raccolta, Ghost of the Fisher Cat (2016). www.africmcglinchey.com – Twitter: @itosha

Traduzione di Silvia Accorrà

SHARE
Articolo precedenteÈ in edicola “Il Professionista Story” n. 21 di Stephen Gunn (alias Stefano Di Marino)
Articolo successivoVirginia Woolf
Afric McGlinchey
La raccolta di debutto di Afric McGlinchey, "The lucky star of hidden things" - "La buona stella delle cose nascoste" (Salmon Poetry, 2012), concentrata sulla sua educazione ricevuta tra l'Irlanda e l'Africa, è stata tradotta in italiano. Nominata per i premi Pushcart, Best of the Net e Forward, il suo lavoro è apparso su riviste di tutto il mondo. Le tematiche principali del suo lavoro riguardano il nomadismo: fisico, immaginativo e psicologico. La sua poesia è stata tradotta in cinque lingue e utilizzata nell'Irish Leaving Certificate Examinations Book. Tra i premi ricevuti, l’Hennessy Emerging Poetry Award e la selezione per uno scambio culturale italo-irlandese nel 2014. È stata elencata tra i "Rising Poets" irlandesi in Poetry Ireland Review e ha ricevuto una borsa di studio Bartistica per lavorare alla sua seconda raccolta, "Ghost of the Fisher Cat" – "Il fantasma del gatto pescatore" (2016), che è stato nominato per diversi premi. Afric vive a West Cork, dove lavora come editor freelance. Di recente ha ricevuto una borsa di studio del Consiglio d'Arte per la ricerca e per scrivere il suo prossimo libro. Sito web: www.africmcglinchey.com

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *