Winifred Watson – Un Giorno di gloria per Miss Pettigrew

0
94

Questo pazzo, pazzo bel mondo

Londra, anni Trenta: miss Pettigrew, un’istitutrice disoccupata di mezza età, tanto dignitosa quanto spaurita, deve prendere servizio presso quella che immagina essere una ricca e superba famiglia. Al suo ingresso nell’appartamento esclusivo, tuttavia, gli eventi prendono una piega inattesa, e la protagonista si trova catapultata nella scintillante e squinternata vita della padrona di casa, miss Lafosse, stellina del cabaret dal cuore d’oro, cinicamente ingenua, con troppi amori e scarso buon senso.

Svelare l’equivoco e ammettere di essere solo una domestica? Giammai! La nostra miss Pettigrew per un giorno si lascerà travolgere dalla folle vita del bel mondo, portando ordine nel caos, risolvendo problemi e mettendo al loro posto giovanotti dal fascino ambiguo, rivelandosi così molto più esperta nelle faccende di cuore delle donnine “vissute” come miss Lafosse e le sue amiche.
Trascorso il suo giorno di gloria, miss Pettigrew sarà rigettata nel misero mondo da cui proviene o troverà ad attenderla un attempato principe azzurro? Dopo ventiquattr’ore simili… tutto può succedere.

Una favola dal fascino senza tempo e piena di ironia, un romanzo brillante e ben scritto.

SHARE
Articolo precedenteRiccardo Burgazzi – Il maschilismo orecchiabile
Articolo successivoNivangio Siovara – Profezia
Giorgia Boragini è nata a Bologna qualche decennio fa. Vive e lavora in quel di Brescia. Laureata in Giurisprudenza per necessità, accanita lettrice per passione, ama osservare il mondo per trarne talvolta qualche storia. Frequenta con impegno discontinuo laboratori di scrittura creativa. Il suo primo romanzo, "Il copione del delitto" (Liberedizioni, 2013), si è aggiudicato, da inedito, il secondo posto al concorso Manerba in Giallo, edizione 2011. Nel 2017 è stata pubblicata la sua raccolta di racconti "Tipi da Bar" (Prospero Editore). Con "Mai rovinare il pranzo di Ferragosto!" (Liberedizioni, 2019) è tornata a cimentarsi con il genere giallo.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *