William McIlvanney – Laidlaw. Indagine a Glasgow

0
661

Le ragioni del crimine

Jack Laidlaw è un personaggio pieno di moralità e di disperate tristezze. Più che di moventi e di colpevoli, va alla ricerca di ragioni e di persone. Più che conoscere i crimini, vuole scandagliare le profondità dell’animo umano, compreso il proprio. In questo romanzo William McIlvanney riesce a rappresentare efficacemente sia il personaggio di un poliziotto fuori della norma che l’ambiente di Glasgow e del suo sottobosco criminale. Appassionante e tagliente.

SHARE
Articolo precedenteGeorges Simenon – All’Insegna di Terranova
Articolo successivoSeumas O’Kelly – Il pagliaccio Billy
Michele Curatolo
Un altro uomo invisibile che galleggia in mezzo al mare del nulla, è arduo definirlo sia per tratti somatici che per età. Campa la vita lavorando, di contraggenio, in uno dei templi assoluti della brescianità e, ciò nonostante, ne prende ispirazione per le cose che scrive. Espulso da tutti i circoli cui si è aggregato, gli amici lo chiamano “Wikipedia” a causa dei discorsi incomprensibili e della pronunzia, che confonde in un unico suono le erre, le elle, le vu, le pi, le bi, le esse e le effe. Sostiene di essere pacifista, ma si vanta di aver redatto, molto tempo fa, alcuni testi rivoluzionari per un ex-guerrigliero irascibile e avarissimo, ora convertitosi al libero mercato.