W.R. Burnett – Rimpiangimi

0
133

Rimpiangimi (indegno e fuorviante titolo italiano per Conant, 1961) è un classico giallo gangsteristico che vede contrapporsi un giornalista a schegge impazzite della criminalità e che presenta alcuni momenti noir di innegabile fascino.

Burnett si dimostra ancora una volta maestro nel dipingere un mondo oscuro e violento, quello diretto dagli architetti della corruzione, gli uomini che spingono i bottoni e fanno girare le ruote della macchina politica. Un mondo che stritola uomini come Conant, preso nel mezzo da Nick Worden, un despota apparentemente benevolo dell’Organizzazione, e da Leone Worden, che rappresenta la nuova generazioni di uomini feroci e privi di scrupoli.

Una sfida che si concluderà nel sangue e che costituisce un puro lavoro di routine per William R. Burnett: Rimpiangimi è un romanzetto di intrattenimento ben lontano dalle opere migliori dell’autore americano, ma è comunque godibile dalla prima all’ultima pagina, a dimostrazione che il sangue non è acqua e che anche le opere scritte per motivi alimentari possono avere una loro dignità.

SHARE
Articolo precedenteM. B. Ionescu-Lupeanu
Articolo successivoElena Baila – Ouverture
Heiko H. Caimi
Heiko H. Caimi, classe 1968, è scrittore, sceneggiatore, poeta e docente di scrittura narrativa. Ha collaborato come autore con gli editori Mondadori, Tranchida, abrigliasciolta e altri. Ha tenuto corsi di scrittura presso la libreria Egea dell’Università Bocconi di Milano e diverse scuole, biblioteche e associazioni in Italia e in Svizzera. Dal 2013 è direttore editoriale della rivista di letterature Inkroci. È tra i fondatori e gli organizzatori della rassegna letteraria itinerante Libri in Movimento. L’ultimo suo lavoro è il romanzo "I predestinati" (Prospero, 2019).

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *