Nicholas Blake – La belva deve morire

0
307

Un autore sopravvalutato

Un pirata della strada ha travolto e ucciso il pargolo di Felix Lane, uno scrittore di gialli. La polizia, dopo aver brancolato nel buio, rinuncia alla ricerca del colpevole. Al padre affranto non resta che la vendetta. Dalla sua ha la caparbietà della disperazione e l’abitudine a creare e risolvere enigmi. E incomincia a indagare annotando sul proprio diario ogni possibile pista, ogni deduzione, ogni supposizione. Fino a quando uno scenario credibile incomincia a delinearsi.

Considerato uno dei migliori romanzi gialli di sempre, questo The Beast Must die (1938) è effettivamente ben condotto, e abilissima è la trasformazione da noir a giallo classico che avviene a metà romanzo; così ben condotta, anzi, che sembra seguire il corso normale della vicenda. Però la soluzione del caso è estremamente prevedibile, e quando il lettore vi arriva prima dell’investigatore di turno non significa che chi legge è intelligente, ma che lo scrittore non ha saputo dirottarlo efficacemente. Del resto Nicholas Blake è sempre stato sopravvalutato: non sarà un caso che i suoi romanzi hanno iniziato a comparire in Italia solo negli anni Settanta, dopo la sua morte.

SHARE
Articolo precedenteHonoré de Balzac
Articolo successivoRossella Manzo – Inverno
Heiko H. Caimi
Heiko H. Caimi, classe 1968, è scrittore, sceneggiatore, poeta e docente di scrittura narrativa. Ha collaborato come autore con gli editori Mondadori, Tranchida, abrigliasciolta e altri. Ha tenuto corsi di scrittura presso la libreria Egea dell’Università Bocconi di Milano e diverse scuole, biblioteche e associazioni in Italia e in Svizzera. Dal 2013 è direttore editoriale della rivista di letterature Inkroci. È tra i fondatori e gli organizzatori della rassegna letteraria itinerante Libri in Movimento. L’ultimo suo lavoro è il romanzo "I predestinati" (Prospero, 2019).

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *