Richard Hooker – M*A*S*H

0
90

Il film era straordinariamente bello, d’accordo, ma le immagini che riesce a creare un buon libro sono infinitamente superiori a quelle, esplicite, del cinema.
La storia di un gruppo di medici, chirurghi, segaossa yankee durante la sanguinosa guerra di Corea dei primi anni Cinquanta. C’è un solo modo per non impazzire nel bel mezzo degli orrori di un conflitto così cruento: diventare folli. Attenzione, pazzia e follia non sono sinonimi. Non in questo libro.
Dolceamaro, comunque godibilissimo.

SHARE
Articolo precedenteCyril Connolly
Articolo successivoFrancesco Barbi – L’acchiapparatti di Tilos
Giuseppe Ciarallo
Giuseppe Ciarallo, molisano di origine, è nato nel 1958 a Milano. Ha pubblicato tre raccolte di short-stories, "Racconti per sax tenore" (Tranchida, 1994), "Amori a serramanico" (Tranchida, 1999), "Le spade non bastano mai" (PaginaUno, 2016) e un poemetto di satira politica dal titolo "DanteSka Apocrifunk – HIP HOPera in sette canti" (PaginaUno, 2011); ha inoltre partecipato con suoi racconti ai libri collettivi "Sorci verdi – Storie di ordinario leghismo" (Alegre, 2011), "Lavoro Vivo" (Alegre, 2012), "Festa d’aprile" (Tempesta Editore, 2015); suoi componimenti sono inclusi in varie raccolte antologiche di poesia: "Carovana dei versi – poesia in azione" 2009, 2011 e 2013 (Ed. abrigliasciolta), "Aloud – Il fenomeno performativo della parola in azione" (Ed. abrigliasciolta, 2016), "Parole sante – versi per una metamorfosi" (Ed. Kurumuny, 2016), "Parole sante – ùmide ampate t’aria" (Ed. Kurumuny, 2017). Scrive di letteratura e non solo su PaginaUno e Inkroci, collabora con A-Rivista anarchica e Buduàr, rivista on line di umorismo e satira. Fa parte del collettivo di redazione di "Letteraria/Nuova Rivista Letteraria" e "Zona Letteraria – Studi e prove di letteratura sociale" fin dalla fondazione.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *