Julien Gracq – Nel castello di Argol

0
907

Dalla torre d’avorio di Gracq

Presuntuoso come pochi, Julien Gracq descrive un ménage a trois, spesso sublimato dal mondo simbolico, senza scrivere mai un solo dialogo (ma connotando i dialoghi dei personaggi e lasciandoli intuire al lettore) in un gioco sottile ma che mostra presto la corda, soprattutto perché lo scrittore sembra guardarci dall’alto e infliggerci la sua narrativa pretestuosa e sterile come se fosse un privilegio addentrarsi nei meandri della sua mente. Incantevoli alcune descrizioni, ma i filosofeggiamenti fini a se stessi, inseriti in un tardo-romanticismo di maniera, lasciano sospesi i personaggi, alla mercé dell’irrealtà cui sono legate le loro vicende e l’irresolutezza compiaciuta dell’autore. Il classico esempio della torre d’avorio.

 

SHARE
Articolo precedenteQuindici domande a Catherine Dunne
Articolo successivoLa Banda
Heiko H. Caimi
Heiko H. Caimi, classe 1968, è scrittore, sceneggiatore, poeta e docente di scrittura narrativa. Ha collaborato come autore con gli editori Mondadori, Tranchida, abrigliasciolta e altri. Ha tenuto corsi di scrittura presso la libreria Egea dell’Università Bocconi di Milano e diverse scuole, biblioteche e associazioni in Italia e in Svizzera. Dal 2013 è direttore editoriale della rivista di letterature Inkroci. È tra i fondatori e gli organizzatori della rassegna letteraria itinerante Libri in Movimento. L’ultimo suo lavoro è il romanzo "I predestinati" (Prospero, 2019).

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *