#Antifa. Dizionario per fare a pezzi, parola per parola, la narrazione fascista

0
135

Dopo Mussolini ha fatto anche cose buone – Le idiozie che continuano a circolare sul fascismo, di Francesco Filippi (Bollati Boringhieri, 2019) e Me ne frego (ChiareLettere, 2019), libro contenente articoli e discorsi parlamentari di Benito Mussolini, curato dallo storico David Bidussa, vi consiglio la lettura di #ANTIFA – Dizionario per fare a pezzi, parola per parola, la narrazione fascista, a cura di Stefano Catone (Fandango Libri, 2018).

Libro interessante e ben fatto, quest’ultimo è una raccolta di mini saggi di autori diversi, utilissima perché tratta – in ordine alfabetico, come fosse un’enciclopedia – le parole e le tematiche sulle quasi si basa la propagazione dell’odio in rete. Tra le tante altre cose si parla, con gran cognizione di causa, di Armi in casa, Buonismo, Clandestini, Gender, ONG, Padroni a casa nostra, Quando c’era lui, Se l’è cercata, Sessismo, Trentacinque euro, Zingari.
Peccato che il curatore si sia dato un obiettivo al di sopra di ogni possibilità di riuscita, una mission impossible, insomma. Perché smontare la narrazione fascista in rete è una meta che va al di là dell’umana forza. Come si dice… “non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire”, e gli haters socialfasciogialloleghisti sono sordi e ciechi. Non monchi, purtroppo.

P.S. #Antifa sta per antifascista, ma anche per Antifake e Antifanatismo.

SHARE
Articolo precedenteDon Milani
Articolo successivoLucio Battisti
Giuseppe Ciarallo
Giuseppe Ciarallo, molisano di origine, è nato nel 1958 a Milano. Ha pubblicato tre raccolte di short-stories, "Racconti per sax tenore" (Tranchida, 1994), "Amori a serramanico" (Tranchida, 1999), "Le spade non bastano mai" (PaginaUno, 2016) e un poemetto di satira politica dal titolo "DanteSka Apocrifunk – HIP HOPera in sette canti" (PaginaUno, 2011); ha inoltre partecipato con suoi racconti ai libri collettivi "Sorci verdi – Storie di ordinario leghismo" (Alegre, 2011), "Lavoro Vivo" (Alegre, 2012), "Festa d’aprile" (Tempesta Editore, 2015); suoi componimenti sono inclusi in varie raccolte antologiche di poesia: "Carovana dei versi – poesia in azione" 2009, 2011 e 2013 (Ed. abrigliasciolta), "Aloud – Il fenomeno performativo della parola in azione" (Ed. abrigliasciolta, 2016), "Parole sante – versi per una metamorfosi" (Ed. Kurumuny, 2016), "Parole sante – ùmide ampate t’aria" (Ed. Kurumuny, 2017). Scrive di letteratura e non solo su PaginaUno e Inkroci, collabora con A-Rivista anarchica e Buduàr, rivista on line di umorismo e satira. Fa parte del collettivo di redazione di "Letteraria/Nuova Rivista Letteraria" e "Zona Letteraria – Studi e prove di letteratura sociale" fin dalla fondazione.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *