Fulvio Fiori – Vivere mi piace da morire

0
863

Di aforsimi si gode

L’aforisma, per sua propria natura, si veste di saggezza quando sembra una massima e di disincantata analisi della realtà quando si veste di non-sense. Proprio per questo, o forse grazie a questo, non viene tenuto nella giusta misura. Lo sa bene Fulvio Fiori, tuttofare della parola: monologhista, sceneggiatore per ragazzi, scrittore, pubblicitario e un po’ filosofo.

“Vivere mi piace da morire”è una raccolta di aforismi che vanno da “Povere ricchezze umane”, dove troviamo il corrotto che pur di arrivare in cima è disposto a toccare il fondo, a “Particolari Particolari”: che dire, per esempio, del lombrico che da grande vuole diventare un verme come papà? Un mezzo per farci sorridere o arrossire, secondo il nostro grado di pudore.

Complice della parola è senza dubbio il tratto preciso, spietato e nel contempo poetico delle illustrazioni di Saro Curcio. Insieme danno al lettore la possibilità di compiere qualcosa che l’uomo rifiuta con “superficialità profonda”: ovvero, non prendersi troppo sul serio.