Lluís Prats – Hachiko. Il cane che aspettava

0
84

A volte ritornano

Esiste un Premio Strega anche per l’infanzia e nel 2018 la categoria “+6” è stata vinta dal libro di una piccola casa editrice di Milano fondata solamente nel 2017, Albe edizioni. Una vittoria meritata per un volume che non lascia nulla al caso, nemmeno dal punto di vista dei materiali: una copertina cartonata e imbottita, una carta resistente ai lettori più impetuosi. Il testo è stato steso dall’autore spagnolo Lluís Prats e illustrato dall’artista polacca Zuzanna Celej e il titolo di questo libro è Hachiko, la storia di un cane fedele e paziente, un po’ come lo fu Argo, il cane di Ulisse; quello di Hachiko, però, è un racconto ispirato a una vicenda realmente accaduta.

Nel Giappone degli anni Venti e Trenta del Novecento, Hachiko aspetta per un intero decennio, giorno dopo giorno, il proprio padrone, che gli ha promesso di tornare a prenderlo davanti alla stazione. La sua straordinaria dedizione diventa un simbolo universale e suscita la solidarietà e il riconoscimento di una comunità intera.

Hachiko è un’ottima lettura da regalare ai bambini tra i 6 e i 10 anni.

SHARE
Articolo precedenteBertrand Russell
Articolo successivoJonathan Littel – Le benevole
Riccardo Burgazzi
Riccardo Burgazzi è nato a Milano nel 1988. Laureato in Lettere, ha vissuto in Spagna e in Repubblica Ceca, dove ha conseguito un dottorato di ricerca in filologia mediolatina e insegnato “Storia del libro” e “Letteratura latina medievale” all’Università Carolina di Praga. Ha pubblicato i romanzi “Storia del Michelasso” (Prospero, 2016) e “Le primavere di Praga” (Prospero, 2018) e il saggio “Francis of Mayronis' Tractatus de passione Domini. Critical edition and studies (Prospero, 2017).

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *