Liz Moore – Il peso

0
27

Intensa percezione del mondo

Arthur è un uomo solo e schiavo della propria obesità; Kel una giovane promessa del baseball. I due destini che si incroceranno per l’amore comune verso una donna: Charlene.

Il titolo è un chiaro riferimento sia all’eccessivo peso di Arthur Opp, ex-professore che vive in solitudine senza mai uscire di casa, che al peso della vita che su di lui incombe.

È con grande ispirazione narrativa che Liz Moore, giovane scrittrice statunitense, ci proietta nei pensieri dei due protagonisti, componendo una storia di solitudini accomunate dalla fragilità della propria esistenza. L’onestà della voce dei personaggi ci avvicina a loro e alla loro percezione del mondo sin dalle prime pagine: stati d’animo e turbamenti ci trasmettono l’immagine di due uomini radicalmente opposti, ma accomunati dalle loro gracilità, dal senso di isolamento, dalle ferite causate dall’essere figli di famiglie spezzate, logorate dall’assenza dell’amore paterno. Una fotografia della deriva di valori cui è giunto il nucleo familiare nella nostra contemporaneità e che, ormai disintegrato, ci spinge a ricercare affetto altrove. Una storia di dolore che, a un passo dal baratro, fa germogliare la speranza dalla più piccola e insperata casualità.

Una scrittrice intensa che chiama le cose con il proprio nome.

SHARE
Articolo precedenteMiles Davis
Articolo successivoLiz Quirke – Contraffazione
Giorgio Olivari

Giorgio Olivari è nato a Brescia nel giugno del 1964. Ha effettuato studi tecnici e svolge una professione legata all’industrial design e allo sviluppo di progetti.

Dopo i primi quarant’anni da lettore scopre casualmente la scrittura. Uno scherzo della vita: l’iscrizione quasi per gioco a un corso di scrittura. Una scintilla che, una volta scoccata, non si spegne e diventa racconto, storie e pensieri, alcuni dei quali pubblicati dai tipi di BESA in “Pretesti Sensibili” nel 2008. La prima raccolta di racconti brevi, “Futili Emotivi”, è pubblicata da Carta & Penna Editore nel 2010, come premio per il primo posto al concorso Praeder Willi 2009.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *