“La panchina della desolazione” di Henry James

0
705

Herbert Dodd, libraio di provincia, viene assediato da Kate Cookbam, una donna che a suo tempo aveva rifiutato e che si rivela implacabile grazie ad un piano magistrale. E Dodd, dopo una vita stancamente dedita alla moglie, alle figlie e al negozio, dovrà decidere chi e che cosa sacrificare.

Dopo un avvio lento e tedioso, il racconto di Henry James prende improvvisamente vita, quella quasi totalmente passiva del protagonista, cogliendola nell’atto di ribellione a una relazione che gli appare, per certi versi, già prestabilita, e narrandola nel suo immergersi nell’abisso della desolazione, fino all’imprevedibile finale. Una rappresentazione magistrale, un racconto che difficilmente uscirà dalla memoria.

SHARE
Articolo precedenteGeorge Bernard Shaw
Articolo successivoMaya Angelou
Heiko H. Caimi, classe 1968, è scrittore, sceneggiatore, poeta e docente di scrittura narrativa. Ha collaborato come autore con gli editori Mondadori, Tranchida, Abrigliasciolta e altri. Ha insegnato presso la libreria Egea dell’Università Bocconi di Milano e diverse altre scuole, biblioteche e associazioni in Italia e in Svizzera. Dal 2013 è direttore editoriale della rivista di letterature Inkroci. È tra i fondatori e gli organizzatori della rassegna letteraria itinerante Libri in Movimento. Collabora con il notiziario "InPrimis" tenendo la rubrica "Pagine in un minuto" e con il blog della scrittrice Barbara Garlaschelli "Sdiario". Ha pubblicato il romanzo "I predestinati" (Prospero, 2019) e ha curato le antologie di racconti "Oltre il confine. Storie di migrazione" (Prospero, 2019) e "Anch'io. Storie di donne al limite" (Prospero, 2021).

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *