Mickey Spillane e Max Allan Collins – La legge di Mike Hammer

0
20

Mickey Spillane scriveva solo quando aveva bisogno di un’urgente iniezione di denaro. E non ha portato a termine quasi nessun racconto con protagonista la sua creatura più fortunata, l’investigatore privato Mike Hammer. Max Allan Collins, scrittore e sceneggiatore prolifico, su invito dello stesso Spillane ha preso in mano il marasma di manoscritti rimasti nel cassetto, li ha riordinati e sta facendo un egregio lavoro terminando i romanzi lasciati incompiuti. Ma alcune di quelle storie non avevano il passo del romanzo, così Collins le ha utilizzate per sviluppare otto racconti, ambientati tra gli anni Cinquanta e gli anni Novanta, pubblicati prima su riviste o in e-book e poi in questa raccolta, A Long Time Dead.

Il risultato è un’antologia che presenta classiche situazioni alla Spillane nella quali Hammer è sempre accompagnato dai suoi comprimari, l’affascinante segretaria investigatrice Velda e il capitano Pat Chambers del NYPD. C’è la giusta dose di cinismo, ci sono personaggi corrotti e amorali, spesso c’entra la politica, soprattutto quando è rappresentata da pezzi grossi senza scrupoli che agiscono alla pari dei criminali; c’è la giusta dose di dubbi sollevati dall’investigatore su come stiano veramente le cose. Perché il mondo è marcio, e a volte si rimane impotenti di fronte a crimini che non si possono provare in tribunale. Allora bisogna farsi giustizia da sé, facendo sembrare tutto perfettamente legale, anche perché spesso si tratta di mors tua, vita mea.
In due dei racconti si rasenta il genere horror, ma Collins resta nei binari senza sbandare, rispettando lo stile e i personaggi e riuscendo nel difficile compito di risultare invisibile. Ne risultano storie godibili che sembrano uscite direttamente dalla penna di Spillane, con tutti gli ingredienti amalgamati al punto giusto. Fin troppo.

SHARE
Articolo precedentePier Paolo Pasolini
Articolo successivoRené Descartes
Heiko H. Caimi
Scrittore e sceneggiatore, insegna scrittura creativa dal 1999. Ha collaborato con la casa editrice Tranchida dal 2007 al 2009 come docente di Scuola Forrester e come membro del CdA e redattore del comitato editoriale, nonché come autore sulle riviste telematiche “Gluck59” e “Tenekè”. Ha collaborato come autore di novelle con gli editori Mondadori e GVE e pubblica racconti, articoli, recensioni e poesie con diverse riviste telematiche. Ha partecipato come poeta alla VII Edizione della Carovana dei Versi nel 2012-2013, e sue opere sono state pubblicate nel 2013 all’interno dell’antologia edita dalla Casa Editrice Abrigliasciolta di Varese. Ha tenuto corsi di scrittura e di sceneggiatura presso la libreria Egea dell’Università Bocconi di Milano, presso l’I.I.S. A. Lunardi di Brescia, in svariate biblioteche e associazioni del comprensorio bresciano e in alcune scuole svizzere. Un film per cui ha scritto la sceneggiatura è stato opzionato due volte e ha collaborato come sceneggiatore a una produzione internazionale (“Haiti Voodoo”, 2011). In un lontano passato ha suonato in svariati gruppi musicali e ha collaborato a numerosi cortometraggi. Attualmente vive e lavora a Brescia. Dal 2002 è Presidente di Magnoliaitalia e dal 2013 è docente e direttore della Bottega della Scrittura di Brescia, scuola professionale per scrittori.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *