John Williams – Stoner

0
186

Stoner è la storia senza storia di un uomo mite che nasce contadino e, fulminato da un sonetto di Shakespeare, si trasforma da studente di agraria senza pretese in studente di letteratura, poi in ricercatore e infine in docente di una cattedra di Inglese all’Università di Columbia.

È un’esperienza assolutamente empatica quella che John Williams ci regala chiedendoci di vivere la vita di Stoner, non a caso nominato sempre con il solo cognome. Se si esclude la sua breve storia d’amore, vive è un’esistenza apparentemente banale e priva di emozioni, ma in realtà pulsante di grandi sconvolgimenti interiori che mai affiorano alla superficie. Due mondi, quello interno e quello esterno al protagonista, che si sfiorano solamente, che viaggiano a velocità differenti, mettendone in luce l’incapacità comunicativa e facendo splendere odio e amore come facce indissolubili dell’esistenza umana.

Un libro che parla di tutti noi che nasciamo, viviamo e moriamo senza apparentemente lasciare traccia della nostra esistenza. Vite vissute, spesso, con grandi intensità ed emozioni, a dispetto di una quotidianità che ci vorrebbe muti e rassegnati.
Un testo riscoperto recentemente, a cinquant’anni dalla sua prima pubblicazione, che non soffre dell’assoluta mancanza di invenzione letteraria nella trama, e che si esalta nel farci palpitare a ogni pagina con la lucida logica del suo protagonista, senza alcuna retorica.

SHARE
Articolo precedenteImmanuel Kant
Articolo successivoPier Paolo Pasolini
Giorgio Olivari
Giorgio Olivari nasce a Brescia nel secolo scorso. È professionista nel campo del disegno industriale da più di trent’anni. Dopo i primi quarant’anni da lettore scopre la scrittura per caso: uno scherzo della vita. La compagna di sempre lo iscrive a un corso di scrittura creativa: forse per gioco, più probabilmente per liberarsi di lui. Una scintilla che, una volta scoccata, non si spegne ma diventa racconto, storie, pensieri; alcuni dei quali pubblicati dai tipi di BESA in "Pretesti Sensibili" (2008). La prima raccolta di racconti brevi, "Futili Emotivi", è pubblicata da Carta & Penna Editore nel 2010. La sua passione per la letteratura lo ha portato a “contagiare” altri lettori coordinando gruppi di lettura: Arcobaleno a Paderno Franciacorta, Chiare Lettere a Nave.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *