James Baldwin – Gridalo forte

0
66

John è figlio del Reverendo Grimes, integerrimo predicatore devoto fino al fanatismo, severo fino al sadismo. Dal ragazzo tutti si aspettano che segua le orme del padre ma, crescendo, John incomincia a interrogarsi sui valori che la comunità afroamericana gli sta inculcando e si fa forte in lui il desiderio di trovare una Fede che sia una vera esigenza della sua anima, piuttosto che il frutto del terrore suscitato dal burbero genitore; una fede che gli dia anche la forza per affermare se stesso oltre i pregiudizi e il cieco bigottismo che soffoca ogni autentico slancio di fratellanza e di amore.

Inizia così un’analisi psicologica del suo rapporto col padre e con gli altri membri della sua famiglia – l’anticonformista zia Florence, la mite Deborah, il riottoso Roy, l’indifesa Elizabeth – che fornisce a James Baldwin l’occasione di raccontare, attraverso le vicende della famiglia, molte pagine di storia americana segnate dal razzismo e dalle disuguaglianze sociali; e di fare un’accurata disamina del ruolo delle comunità religiose presso gli afroamericani. L’autore non nasconde critiche a un sistema che sembra dare per scontate miseria, fame, crudeltà in quanto volere divino, e non privi di peccato fa apparire coloro che si presumono santi ma che celano grettezze, bassezze morali, meschinità e debolezze che tentano di occultare dall’alto dello stesso pulpito dal quale condannano gli altri.

La narrazione di James Baldwin è diretta, potente, la trama è avvincente e la costruzione salda, perfetta per innescare un dibattito sui diritti civili ma anche per coinvolgere completamente il lettore. Non fatevelo mancare.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *