Irène Némirovsky – Il Ballo

0
497

Una lettura che non lascia il segno

Una storia semplice, fin troppo, che narra la rivalsa di una figlia sulla madre che la opprime. Parallelo a “Lady Jane” della Austen, ristampato nella stessa collana e nello stesso mese dai tipi della Newton Compton, sembra costituirne un corollario, inferiore sia per stile che per contenuti. Infatti quella della Némirovky è una scrittura scorrevole ma poco incisiva, che scivola sugli eventi come una carrellata cinematografica, senza mai soffermarsi sui particolari. Scrittura senz’altro moderna, il che spiega il grande successo dell’autrice tra i nostri contemporanei, ma vuota e priva di spessore. Un libro carino, da giorno, poco significativo nonostante l’intrigante vicenda narrata, resa insipida dalla narrazione piatta e poco fantasiosa. E il fatto che l’autrice sia morta ad Auschwitz non rende migliore il suo testo.
Discutibile l’idea di dedicare un terzo del volume alla lunga ed enfatica introduzione di Maria Nadotti.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *