Howard Roughan – L’arrivista

0
1270

Intrattenimento d’attualità

Il cinico e rampante Philip Randall, giovane avvocato newyorkese, resta intrappolato nelle maglie del proprio e altrui opportunismo. Al di là della semi-assoluzione finale, e di qualche nota stonata nel climax, con una narrazione serrata e intrigante Roughan ci offre una visione piuttosto schietta delle nuove leve della borghesia newyorkese. Ma anche nostra. Un godibile romanzo da ombrellone, senza perdere il senso della lettura, con qualche buono spunto di riflessione.

SHARE
Articolo precedenteH.P. Lovecraft
Articolo successivoZazie nel metrò
L'esperienza non è quello che succede a un uomo; è quello che un uomo realizza utilizzando quello che gli succede. (Aldous Huxley) Nasce straniera in terra straniera, nel giugno del 1968. A tre anni rientra in Italia, ma, forse perché cresce in una stazione ferroviaria, forse perché migrante di nascita, sviluppa una passione tenace per il viaggio, reale e sognato. Cerca l’amore, in ogni incontro che intreccia la sua vita. Qualche volta lo trova e assapora il senso della vita.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *