Giuseppe Ciarallo – Danteska

0
592

Poesia: l’apocrifunk di Ciarallo

Sorprende come si possa scrivere in versi e in rima con tanta scioltezza e una tale modernità, parlando dei malanni del nostro presente, in cui impantanati arranchiamo. Le tematiche sono molteplici: dalla caduta di fede nella politica, che in ogni schieramento ha tradito i propri ideali, all’attualità di sopraffazione in cui gli ultimi fanno le scarpe agli ultimi.

Il tutto espresso con un linguaggio diretto in sette canti suddivisi in quartine, con impeccabili versi rimati, rendendo evidente, alla faccia di chi crede che la poesia classica sia defunta, la modernità di versi basati su stilemi antichi.

Non a caso il sottotitolo del libro è ApocriFunk – Hip Hopera in sette canti, con allusione al rap e a generi musicali sempreverdi.

Un’opera satirica densa di umorismo e di affermazioni non banali nella quale vengono stigmatizzati, con indocile ironia, il nostro modus vivendi e la deriva della politica, nella quale non sarà difficile riconoscere attori del nostro presente come del nostro passato. Da leggere assolutamente.

SHARE
Articolo precedenteLa disubbidienza
Articolo successivoStregati e il cinema di Francesco Nuti
Heiko H. Caimi
Heiko H. Caimi, classe 1968, è scrittore, sceneggiatore, poeta e docente di scrittura narrativa. Ha collaborato come autore con gli editori Mondadori, Tranchida, abrigliasciolta e altri. Ha tenuto corsi di scrittura presso la libreria Egea dell’Università Bocconi di Milano e diverse scuole, biblioteche e associazioni in Italia e in Svizzera. Dal 2013 è direttore editoriale della rivista di letterature Inkroci. È tra i fondatori e gli organizzatori della rassegna letteraria itinerante Libri in Movimento. L’ultimo suo lavoro è il romanzo "I predestinati" (Prospero, 2019).

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *