Giulia Caminito – Un giorno verrà

0
116

Ambientato nelle Marche negli anni a cavallo tra Ottocento e Novecento, il romanzo Un giorno verrà di Giulia Caminito mescola le piccole storie di ultimi e dimenticati della società agli eventi che hanno segnato il corso della Storia d’Italia e del mondo intero: i Moti del Matese, l’aggressione coloniale alla Libia, la Prima Guerra Mondiale, la Settimana Rossa, l’insorgere del fascismo.
Non un “Film” ma un “Romanzo d’amore e d’anarchia”. Amore tra fratelli in una famiglia destinata alla disperazione, amore mistico di una suora per le sue consorelle e per l’altro, senza distinzione, amore per la rivolta e per la giustizia sociale.

Ma che valore ha, l’amore, senza il suo naturale contraltare, l’odio? Allora, forse, il miglior modo per definire Un giorno verrà è: “Romanzo d’amore, odio e Anarchia”.
Bello. Potente. Vero.

SHARE
Articolo precedenteMarco Tullio Cicerone
Articolo successivoSergio Donati
Giuseppe Ciarallo
Giuseppe Ciarallo, molisano di origine, è nato nel 1958 a Milano. Ha pubblicato tre raccolte di short-stories, "Racconti per sax tenore" (Tranchida, 1994), "Amori a serramanico" (Tranchida, 1999), "Le spade non bastano mai" (PaginaUno, 2016) e un poemetto di satira politica dal titolo "DanteSka Apocrifunk – HIP HOPera in sette canti" (PaginaUno, 2011); ha inoltre partecipato con suoi racconti ai libri collettivi "Sorci verdi – Storie di ordinario leghismo" (Alegre, 2011), "Lavoro Vivo" (Alegre, 2012), "Festa d’aprile" (Tempesta Editore, 2015); suoi componimenti sono inclusi in varie raccolte antologiche di poesia: "Carovana dei versi – poesia in azione" 2009, 2011 e 2013 (Ed. abrigliasciolta), "Aloud – Il fenomeno performativo della parola in azione" (Ed. abrigliasciolta, 2016), "Parole sante – versi per una metamorfosi" (Ed. Kurumuny, 2016), "Parole sante – ùmide ampate t’aria" (Ed. Kurumuny, 2017). Scrive di letteratura e non solo su PaginaUno e Inkroci, collabora con A-Rivista anarchica e Buduàr, rivista on line di umorismo e satira. Fa parte del collettivo di redazione di "Letteraria/Nuova Rivista Letteraria" e "Zona Letteraria – Studi e prove di letteratura sociale" fin dalla fondazione.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *