Ilona Jerger – E Marx tacque nel giardino di Darwin

0
42

Oltre il corso della Storia

Un romanzo che racconta gli ultimi anni di vita, con frequenti flash-back, di due tra i più importanti pensatori dell’Ottocento: Charles Darwin e Karl Marx.
Usando un artificio narrativo interessante (un medico curante comune ai due scienziati), l’autrice fa incontrare Darwin e Marx, che in effetti vissero contemporaneamente molti anni a Londra. Tra Storia (Marx trovò rivoluzionario il libro L’evoluzione della specie, che in qualche modo segnò la fine o comunque mise per la prima volta in dubbio la teoria della Creazione dell’universo così come era stata raccontata fino a quel momento dalla religione, Darwin tra i libri della sua biblioteca pare conservasse una copia del Capitale, con dedica dell’autore) e fiction (l’incontro non sembra esserci mai stato, né il medico esistito), vengono raccontati i dubbi e le contraddizioni dei due grandi intellettuali. Determinato e volitivo il rivoluzionario Marx, appassionato e malinconico Darwin, il quale in fondo sentiva su di sé quasi la colpa di aver svelato al mondo la favola dell’uomo creato da un impasto di fango e della donna generata da una costola dell’uomo.

Un ottimo libro, che ci fa viaggiare nel tempo e ci porta in una Londra fumosa per nulla salubre per i polmoni dei due illustri protagonisti, ma soprattutto che ci permette di entrare in contatto, quasi fossimo anche noi presenti ai fatti narrati, con due personaggi che in qualche modo hanno cambiato il corso della storia dell’umanità.

SHARE
Articolo precedenteHenry Miller
Articolo successivoMarguerite Yourcenar
Giuseppe Ciarallo
Giuseppe Ciarallo, molisano di origine, è nato nel 1958 a Milano. Ha pubblicato due raccolte di short-stories, “Racconti per sax tenore” (Tranchida, 1994) e “Amori a serramanico” (Tranchida, 1999), un poemetto politico dal titolo “DanteSka Apocrifunk – HIP HOPera in sette canti” (paginauno, 2011) e ha partecipato con un suo racconto ai libri collettivi e militanti “Sorci verdi – Storie di ordinario leghismo” (Alegre, 2011) e “Lavoro vivo” (Alegre, 2012). Compone versi, molti dei quali pubblicati in raccolte di poesia. Scrive di letteratura su Nuova Rivista Letteraria e PaginaUno, di letteratura, cinema e musica su InKroci, collabora a A-Rivista anarchica.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *