Donatella Di Pietrantonio – L’Arminuta

0
181

È con la fine brusca di un affido che prende vita il romanzo L’Arminuta, in dialetto abruzzese la ritornata.
La vicenda, ambientata nell’Abruzzo degli anni Settanta del secolo scorso, ha come protagonista una tredicenne priva del nome di battesimo che si trova catapultata in una realtà completamente sconosciuta, un microcosmo abitato da nuovi genitori, fratelli e una strampalata sorella. È il ritorno a una famiglia mai saputa e sconosciuta, un abbandono tragico e inaspettato da parte di quelli che credeva i propri genitori: un colpo al cuore. Ma è anche la storia di un’adolescente, narrata in prima persona dall’Arminuta ormai donna matura; e soprattutto è una storia di sorellanza.

Donatella Di Pietrantonio non usa una scrittura rassicurante; anzi, il linguaggio è aspro, doloroso, ricco del dialetto abruzzese, a volte difficile. Lo sforzo richiesto nella decrittazione, però, porta a riflessioni e a cambi di velocità necessari a calarci in una realtà altrimenti troppo estranea. Una volta assorbiti dallo stile inconsueto si rimane intrappolati e, nonostante le difficoltà dei protagonisti, il cammino procederà spedito.
Tratti di poesia si mescolano al disagio di alcune situazioni, interessanti suggestioni si fondono all’imbarazzo della protagonista, con una cura particolare al mondo astratto degli odori.

Molte le domande dell’autrice che, lasciate senza risposte, portano in modo serrato fino all’epilogo. Una riflessione su chi siamo e da dove veniamo; uno sguardo sul rapporto fra madre e figlia, sulla scelta più o meno consapevole della maternità.

Una lettura consigliata a chi da una storia pretende risonanze di carattere universale.

SHARE
Articolo precedentePercy Bysshe Shelley
Articolo successivoGiovanni Arpino
Giorgio Olivari nasce a Brescia nel secolo scorso. È professionista nel campo del disegno industriale da più di trent’anni. Dopo i primi quarant’anni da lettore scopre la scrittura per caso: uno scherzo della vita. La compagna di sempre lo iscrive a un corso di scrittura creativa: forse per gioco, più probabilmente per liberarsi di lui. Una scintilla che, una volta scoccata, non si spegne ma diventa racconto, storie, pensieri; alcuni dei quali pubblicati dai tipi di BESA in "Pretesti Sensibili" (2008). La prima raccolta di racconti brevi, "Futili Emotivi", è pubblicata da Carta & Penna Editore nel 2010. La sua passione per la letteratura lo ha portato a “contagiare” altri lettori coordinando gruppi di lettura: Arcobaleno a Paderno Franciacorta, Chiare Lettere a Nave.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *