Dario Giardi – La ragazza del faro

0
72

Una storia inconsistente con personaggi inconsistenti

Julien è un trentacinquenne fuggito dall’angosciante monotonia borghese della vita parigina. Trova rifugio in un paesino sperduto della costa bretone, fra le cui brezze crede di poter ritrovare se stesso e l’essenza della vita. L’incontro con la bellissima Adele, di cui si innamorerà perdutamente, e la quotidianità condivisa con il gruppetto di giovani che ancora vive in paese gli riserverà gioie, dolori, e anche una terribile lezione, recita la quarta di copertina, dalla quale già possiamo dedurre che Dario Giardi scrive una storia d’amore estremamente convenzionale. Ma addentrandosi nei meandri del romanzo scopriamo che lo da anche con uno stile anonimo, piatto, che non lascia segno.

Naturalmente il protagonista è il classico maschio che riesce ad andare a letto con una lesbica (sogno proibito di ogni ominicchio), e l’omosessualità femminile viene definita “smarrimento”, senza alcun rispetto né considerazione per la diversità. I personaggi sono peraltro privi di spessore, inconsistenti e monodimensionali: come marionette su un palcoscenico piccolo piccolo, non lasciano nulla di sé. Le loro psicologie sono risibili, anzi invisibili, e non riescono ad emergere da una rappresentazione delle situazioni che nulla spiega né lascia intuire di loro, tanto che gli eventi appaiono pretestuosi, le azioni senza giustificazioni e i personaggi privi di qualsiasi reale motivazione. Né durante la lettura si riesce a simpatizzare con qualcuno di loro, perché sono dipinti in maniera talmente superficiale da esserci platealmente indifferenti. La storia stessa scivola via senza lasciare alcun segno, e il finale drammatico è completamente fuori luogo e contesto, banale e improbabile come tutta la vicenda.

Nemmeno un libro da giorno: semplicemente un libro inutile.

SHARE
Articolo precedenteKate Chopin – Il temporale
Articolo successivoOne Day
Heiko H. Caimi, classe 1968, è scrittore, sceneggiatore, poeta e docente di scrittura narrativa. Ha collaborato come autore con gli editori Mondadori, Tranchida, Abrigliasciolta e altri. Ha insegnato presso la libreria Egea dell’Università Bocconi di Milano e diverse altre scuole, biblioteche e associazioni in Italia e in Svizzera. Dal 2013 è direttore editoriale della rivista di letterature Inkroci. È tra i fondatori e gli organizzatori della rassegna letteraria itinerante Libri in Movimento. Collabora con il notiziario "InPrimis" tenendo la rubrica "Pagine in un minuto" e con il blog della scrittrice Barbara Garlaschelli "Sdiario". Ha pubblicato il romanzo "I predestinati" (Prospero, 2019) e ha curato le antologie di racconti "Oltre il confine. Storie di migrazione" (Prospero, 2019) e "Anch'io. Storie di donne al limite" (Prospero, 2021).

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *