Cormac McCarthy – La strada

0
142

Un uomo e un bambino vagano attraverso un mondo morto, fatto di cenere e nebbia, diretti verso un vago miraggio di salvezza.

Cormac McCarthy non dice niente sui protagonisti, ombre che vagano in una desolazione assoluta, priva di sole e di speranza, creando un’atmosfera di silenziosa tensione della quale ci dà indicazioni elementari e nette, lasciandoci il compito di entrare in quella sequenza di buio, freddo, fame, paura, spezzata ogni tanto dall’apparire di anonimi cannibali che costringono i due a fughe descritte con grande efficacia e da momenti in cui descrive le loro soste, durante le quali cercano una commovente parvenza di quotidianità.

La prosa di McCarthy è essenziale, spezzata in brevi paragrafi quasi privi di punteggiatura, che ci cala in un silenzio irreale e avvolgente, perfetta cifra stilistica di un romanzo breve e senza sbavature, in modo da non rischiare che il delicato meccanismo narrativo si infranga sulla lunga distanza. Imperdibile.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *