“Cartagena” di Valerio Evangelisti

0
38

I pirati siamo noi

1697. Durante la Guerra dei Nove Anni Luigi XIV, per impinguare le casse del regno, invia un’imponente flotta contro la colonia spagnola di Cartagena, nei Caraibi, un avamposto ricco e strategico. Per prendere la città, l’ammiraglio De Pointis deve avvalersi dell’aiuto dei Fratelli della Costa, radunati per un’ultima volta dall’avventuriero Jean-Baptiste Ducasse. Ma sarà solo il preludio di una lotta contro l’arroganza dell’aristocrazia francese.

Terzo e ultimo capitolo della trilogia dei pirati, Cartagena. Gli ultimi della Tortuga è un libro che, malgrado la lunghezza, si legge tutto d’un fiato, e che prefigura la cultura odierna descrivendo una terra in cui gente decisa e di pochi scrupoli potrebbe impiantarvi ogni tipo di traffico, il terreno ideale per arricchirsi in fretta a col minimo di fatica, dove chi sia astuto possa fare ciò che gli pare. Uno specchio lucido dei valori fondanti la modernità, ma meno memorabile del capostipite, Tortuga.

SHARE
Articolo precedenteDavid Grossman
Articolo successivoIl bambino che siamo stati – Intervista a Beatrice Masini
Heiko H. Caimi
Heiko H. Caimi, classe 1968, è scrittore, sceneggiatore, poeta e docente di scrittura narrativa. Ha collaborato come autore con gli editori Mondadori, Tranchida, abrigliasciolta e altri. Ha tenuto corsi di scrittura presso la libreria Egea dell’Università Bocconi di Milano e diverse scuole, biblioteche e associazioni in Italia e in Svizzera. Dal 2013 è direttore editoriale della rivista di letterature Inkroci. È tra i fondatori e gli organizzatori della rassegna letteraria itinerante Libri in Movimento. L’ultimo suo lavoro è il romanzo "I predestinati" (Prospero, 2019).

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *