Booth Tarkington – I magnifici Amberson

0
457

Un giovane appartenente a una facoltosa dinastia di Indianapolis vede la fortuna e il prestigio della famiglia dissolversi sotto i propri occhi, a causa dell’avanzata di una nuova generazione di imprenditori dalla mentalità più moderna; l’arrogante George si trova così a percorrere al contrario la scala del successo sociale, fino a ritrovarsi anonimo membro della classe operaia.

I magnifici Amberson è un tipico romanzo americano, nel quale la storia privata della famiglia è narrata in parallelo con quella che illustra lo sviluppo della città dove la famiglia vive: mentre la prosperità degli Amberson declina e la loro celebre casa va in rovina, la cittadina cresce e si trasforma in polo industriale, perdendo però la dimensione umana e trasformandosi in una gigantesca megalopoli industriale, senza alcun ricordo tangibile delle radici.

Lo stile del romanzo è curato, i personaggi approfonditi, sebbene forse non memorabili, e in generale il libro si compone come il malinconico affresco di un’epoca e di una società della quale oggi non rimane davvero più traccia.
Consigliato a chi vuole leggere narrativa di qualità e magari ha in mente la celebre versione cinematografica di Orson Welles (L’orgoglio degli Amberson, 1942), che venne mutilata dalle esigenze di produzione e che cià nonostante è molto pertinente allo spirito del romanzo.

SHARE
Articolo precedenteLuciano Taffurelli
Articolo successivoFernando Pessoa
Valentina Leoni è musicista e storica dell'arte, ha scritto e scrive recensioni e articoli riguardanti libri e fumetti per diversi siti. Attenta conoscitrice della cultura giapponese, ha fatto parte del comitato scientifico della mostra Dai Samurai a Mazinga Z (Casa dei Carraresi, Treviso ottobre 2014) ed è da anni collaboratrice di Radio Animati per la quale ha curato di recente la trasmissione Yatta: Luoghi Non Comuni sull'Animazione Giapponese.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *